Risultati immagini per autoveloxA seguito della sentenza, dello scorso giugno, della Corte Costituzionale, un elevato numero di persone ha presentato ricorso contro le multe salate emesse dagli autovelox posizionati, con la presenza della pattuglia, a margine delle strade.

Le suddette multe, risultano essere illegittime, in quanto i dispositivi usati dalle forze di polizia non sono mai stati tarati.

La taratura degli apparecchi di controllo elettronico della velocità non risulta obbligatoria in nessuna norma di legge, di conseguenza nella maggior parte dei casi non è stata effettuata.

Questo comporta che, in caso di ricorso in tribunale, l’amministrazione si trova sprovvista di prove per poter dimostrare il rispetto di quanto stabilito dalla Consulta.In questo modo l’automobilista ottiene l’annullamento della contravvenzione.

E’ stato in seguito chiarito che l’obbligo della taratura non è prevista per tutti gli strumenti di rilevamento elettronico della velocità, ma solo per gli apparecchi che vengono usati sotto il diretto controllo degli agenti, ma questi non possono essere usati dalla polizia stradale fin quando non saranno effettuati i controlli necessari da parte della Corte Costituzionale. Quelli che invece operano in modo del tutto automatico, risultano già sottoposti a controlli di verifica sul funzionamento.

In entrambi i casi, però, l’avvenuto controllo di questi apparecchi deve essere dimostrato in forma scritta, che sia un verbale o un documento ufficiale. Uno di questi ultimi risulterà necessario per superare la contestazione dell’automobilista in questione. In assenza di documentazione ufficiale il verbale sarà sempre nullo.

Se vi capita quindi di dover fare i conti con un autovelox non tarato, potete rivolgervi a una delle nostre sedi.