Può accadere che in seguito ad un viaggio aereo, al momento del ritiro del bagaglio, ci si renda conto che sia stato danneggiato in seguito alle procedure di imbarco o di riconsegna.

Tale danneggiamento dà diritto ad un rimborso che è corrispettivo all’entità del danno verificatosi.

In caso di smarrimento o danneggiamento del bagaglio, i diritti del passegero sono regolati dalla  Convenzione di Montrèal del 1999 che prevede, per il bagaglio danneggiato, un risarcimento massimo di 1100 €.

Le compagnie aeree che, invece, non aderiscono a tale Convenzione risarciscono il danno fino ad un massimo di 20 € per kg e per un totale massimo di 388 €.

Per ottenere il rimborso per il bagaglio danneggiato, è necessario innanzitutto fare denuncia in aeroporto, compilare l’apposito modulo PIR (Rapporto Irregolarità Bagaglio) e possibilmente scattare delle fotografie della valigia danneggiata, così da avere evidenza del danno subìto.

I danni al bagaglio danneggiato devono essere denunciati alla compagnia aerea entro 7 giorni dal ritiro del bagaglio: il PIR, il biglietto aereo, l’etichetta bagaglio, le ricevute di pagamento e/o gli scontrini delle spese sostenute sono indispensabili per la richiesta di rimborso.

Chi ritenga di aver subìto un danno maggiore di quello risarcito dalla compagnia aerea, può agire ulteriormente.

 

Cosa possiamo fare per te in caso di un disagio aereo

Unione dei Consumatori ti fornisce consulenza, avviando gratuitamente lo studio e la fattibilità del risarcimento.

Dovrai solo scaricare  i moduli di reclamo per disagi aerei e seguire tutte le istruzione per la compilazione e l’invio.

  • Sarai ricontattato, velocemente, da un nostro consulente esperto;
  • Valuteremo il tuo caso;
  • Ti faremo ottenere il risarcimento economico, previsto per legge!

Per maggiori informazioni contattaci ai numeri 091 6190601370 1220734 (anche whatsapp) o  invia un messaggio al nostro form di contatto.