Prima dell’intervento dell’AGCOM, gli utenti che cambiavano gestore telefonico non potevano trasferire il loro credito presso il nuovo operatore: potevano ottenere la restituzione del credito solo su un’altra SIM dello stesso operatore.

Grazie al servizio di Trasferimento Credito Residuo, attivabile nell’ambito della procedura di portabilità del numero mobile, l’utente che intende cambiare operatore mantenendo il proprio numero, manterrà anche il relativo credito residuo.

Il nuovo operatore comunicherà al vecchio gestore il trasferimento dell’utente sulla propria rete, specificando anche la richiesta del Trasferimento Credito Residuo; il gestore di provenienza provvederà a fare il conteggio del credito che il nuovo gestore dovrà accreditare all’utente.

Se tale opzione non viene barrata dall’utente al momento in cui si sottoscrive il contratto con il nuovo gestore, il credito residuo non andrà perso: si avrà sì il rimborso, ma questo non sarà contestuale alla portabilità.

Nel caso del passaggio a un nuovo gestore, invece, tutto ciò che è riferito a promozioni o a bonus, essendo un credito non acquistato, andrà perso.

La procedura di trasferimento del credito ha dei costi solo se motivati e documentati; in altri casi sono del tutto illegittimi.

Contatta gratuitamente Unione dei Consumatori per una consulenza.