Cominciamo proprio bene! ConciliaWeb, il sistema che in teoria avrebbe dovuto consentire ai cittadini di risolvere le controversie con gli Operatori di telefonia e di pay-tv direttamente da casa, su piattaforma, è già fermo, ancor prima di partire.

E difatti, il sistema, che (nelle intenzioni) dovrà consentire l’accesso al contenzioso, sarebbe dovuto essere pronto dallo scorso 1 luglio ed invece, tranne ulteriori proroghe, partirà – si spera – dal prossimo 23 luglio.

In molti si chiedono se stiamo assistendo a una rivoluzione di settore ma, a uno sguardo più attento, parrebbe che, in realtà, l’accesso alla piattaforma di conciliazione via web non sia poi così semplificato, celere e alla portata di tutti.

Niente paura. Unione dei Consumatori continua ad essere pronta e a darti supporto per l’accesso alla risoluzione delle controversie; poco importa che tu abbia o meno dimestichezza con la tecnologia. La nostra è un’Associazione specializzata nell’assistenza on line: ti supportiamo per qualsiasi abuso subìto, fornendoti assistenza a costo zero.

Questo vale anche nel caso in cui tu debba avviare un contenzioso con Gestori di telefonia e pay-tv. In pochi passaggi, ti spieghiamo come muoverti per non lasciarti prendere dal panico nel caso del mancato avvio della conciliazione via web, ovvero della sua complessità operativa.

ConciliaWeb: la piattaforma tra sburocratizzazione e ipotetico caos

Prima di avviare una pratica di conciliazione via web, devi sapere che, essendo stata creata in un’ottica di semplificazione della burocrazia, ConciliaWeb si prefigge di accelerare l’esito del contenzioso, risparmiando al consumatore spostamenti dal proprio domicilio o luogo di lavoro e consentendogli di attivare la procedura direttamente dal proprio pc o smartphone.

Ma, all’atto pratico, quanti consumatori saranno in grado di utilizzare il servizio senza aver bisogno dell’assistenza di professionisti del campo? Un velo di incertezza è già calato sull’imminente futuro delle controversie da gestire via web.

Benché teoricamente più semplice, il procedimento di avvio della conciliazione via web, richiede, innanzitutto, al consumatore una praticità non indifferente a livello telematico e presuppone, tra l’altro e soprattutto, piena consapevolezza dei diritti che lo riguardano.

Quindi, ammesso sia vero che si potrà accedere facilmente al sistema di risoluzione delle controversie, i fatti mostrano, in realtà, uno scenario in cui i Co.Re.Com regionali di riferimento già vacillano nella gestione del nuovo strumento.

Assisteremo quasi certamente al verificarsi di situazioni in cui il consumatore, preso da incertezza, confusione e mancata adeguata comunicazione, si sentirà più al sicuro e sarà portato – come sempre ha fatto – ad inviare tutta la documentazione via mail, fax o con raccomandata e, ahinoi, vedersi respingere l’istanza dal Co.Re.Com, che sarà costretto – in attuazione della nuova norma – a rigettarla.

Con tali (non poche) difficoltà, quindi, il consumatore dovrà tentare egualmente di risolvere tutti gli aspetti critici della nuova impostazione, anche senza la necessaria competenza e formazione tecnica.

Per tutte queste motivazioni, la presenza di professionisti del settore – in grado di guidarti e di mettere a disposizione la propria collaudata esperienza di risultato, in un ambito sempre più informatizzato – è quantomeno utile ed auspicabile.

ConciliaWeb: cosa può fare Unione dei Consumatori, per te

Procedendo nella tradizione dell’informazione, consulenza ed assistenza all’utente, continuiamo a seguire tutti i consumatori in difficoltà, in quanto da un lato privi della piena praticità con il web e dall’altro bisognosi di aiuto nelle pratiche di contenzioso.

Pertanto, rivolgendoti ad Unione dei Consumatori – sempre attiva sul territorio, a difesa dei diritti dei consumatori – riceverai informazioni ed assistenza a costo zero.

Contattaci ai numeri 091 6190601 – 370 1220734 (anche whatsapp) oppure invia un messaggio sul nostro form: un nostro consulente ti ricontatterà in tempi brevi.