Stai cambiando città o abitazione e, tra le altre cose a cui devi pensare durante il trasloco, c’è la disdetta contratto luce e gas?

Scopriamo insieme, in questa breve guida, come richiederla al tuo Gestore e come procedere grazie al supporto di Unione dei Consumatori.

disdetta contratto luce e gas

Come inviare la richiesta di disdetta contratto luce e gas

Per procedere con la disdetta contratto luce e gas, innanzitutto, è importante contattare il proprio fornitore.

Purtroppo, spesso, attenersi alle sole indicazioni offerte dal proprio fornitore non basta per evitare tempi d’attesa estenuanti e mancate risposte. disdetta contratto luce e gas

In ogni caso, l’iter corretto da seguire prevede di:

  • Inviare una comunicazione scritta al fornitore tramite fax o raccomandata A/R per richiedere la disdetta;
  • Procurarsi una copia dei dati personali, del codice fiscale e del documento d’identità del titolare del contratto;
  • Procurarsi il codice POD per la corrente elettrica e il codice PDR per il gas. Entrambi sono presenti nelle fatture, di solito vicino al codice cliente;
  • Indicare una data in cui le utenze dovranno essere interrotte.

Con questi dati potrai compilare correttamente la tua richiesta di disdetta contratto luce e gas.

 

Disdetta contratto luce e gas: tempistiche per la disattivazione

Le tempistiche per la disdetta contratto luce e gas possono variare a seconda del fornitore con cui si è sottoscritto.

Lo stesso vale per i tempi di preavviso e in relazione alla tipologia di utenza. A tal proposito, vediamo quali sono le tempistiche per utenze domestiche e aziendali. disdetta contratto luce e gas

Per le utenze domestiche:

  • il tempo di preavviso richiesto è di almeno un mese;
  • i tempi di disattivazione sono più brevi. Di norma, massimo 5 giorni per effettuare il distacco.

Per quanto riguarda le utenze aziendali:

  • è necessario fornire un preavviso che va da tre a sei mesi, a seconda del tipo di fornitura;
  • la disattivazione della corrente può essere anche immediata grazie ai contatori elettronici;
  • la disattivazione dell’acqua può anche richiedere 15 giorni lavorativi.

 

Disdetta contratto luce e gas: gli indennizzi previsti per ritardo

Ogni fornitore è obbligato a rispettare tempistiche previste per la disdetta contratto luce e gas.

Può comunque accadere, talvolta, che non si attenga alle tempistiche stabilite per legge.

In questo caso, il fornitore è costretto a risarcire il cliente con un indennizzo adeguato e per ogni giorno di ritardo previsto per il distacco. disdetta contratto luce e gas

Per la luce, l’indennizzo ammonta a:

  • 35 € per le disattivazioni effettuate entro il doppio del tempo previsto;
  • 70 € per le disattivazioni effettuate entro il triplo del tempo previsto;
  • 105 € per le disattivazioni effettuate oltre il triplo del tempo previsto.

Per il gas, l’indennizzo ammonta a:

  • 35 € nel caso in cui la disdetta riguardi utenze domestiche;
  • 70 € nel caso in cui i contatori sia per prestazioni elevate.

Vi sono però dei costi aggiuntivi a cui il cliente deve far fronte.

Infatti, se il tuo contratto è:

  • per il servizio a maggior tutela, il costo è di 23 €;
  • nel mercato libero, il costo può variare a seconda delle condizioni contrattuali.

 

Disdetta contratto luce e gas: rivolgiti a noi

Nel caso in cui dovessi incontrare i difficoltà nel portare avanti la tua pratica, contattaci.

Rivolgendoti a Unione dei Consumatori diventerai un consumatore consapevole e potrai far valere i tuoi diritti nella richiesta di indennizzo per problemi nella disdetta contratto luce e gas.

Per ricevere maggiori informazioni,  invia un messaggio attraverso il nostro form di contatto o al numero Whatsapp dedicato 370 1220734 e un nostro consulente ti ricontatterà in breve tempo, per dirti cosa è possibile fare!

Se sei un nostro associato, puoi chiamarci al numero 091 6190601.

disdetta contratto luce e gas