Viene aumentato il limite del valore entro il quale il contribuente puo’ difendersi autonomamente contro l’agenzia delle entrate ed equitalia

Dal 1 Gennaio del Corrente Anno 2016, è operativa la Riforma del Processo Tributario, uno degli aspetti di rilievo per il Contribuente è dato dalla possibilità di ricorrere contro gli atti dell’Amministrazione Finanziaria ( Accertamenti Fiscali, Intimazioni di Pagamento e Cartelle Esattoriali ) entro limiti più estesi di quelli precedentemente vigenti.

Infatti il Contribuente fino a prima della data sopra indicata poteva Difendersi Autonomamente per controversie non eccedenti la somma di EURO 2.582,28, limite esteso ora alla somma di EURO 3.000.