Si estende l’obbligo di ricorso alla mediazione obbligatoria anche a enti differenti dall’agenzia delle entrate

Sta per essere approvato in via definitiva uno degli aspetti di maggiore rilievo della Riforma del Contenzioso Tributario.

Infatti, due rilevanti novità si prospettano per i Contribuenti malaguratamente incappati in Contenziosi Tributari.

Il primo riguarda l’eventuale Richiesta di Sospensione supportata da gravi e fondate motivazioni di Sentenze sfavorevoli riportate nel Primo Grado di Giudizio, dicotomicamente a questo il Contribuente oggetto di Cartella Esattoriale o di Accertamento Esecutivo da parte dell’Agenzia delle Entrate potrà chiedere la sospensione in attesa che venga deciso il Ricorso.

Inoltre, aspetto ancora più rilevante, estende l’Obbligo della Mediazione  per controversie di entità non eccedente i 20.000,00 EURO anche a tutte le Amministrazioni Finanziarie e non più limitatamente all’Agenzia delle Entrate.