Veloce, potente e innovativa, la fibra ottica crea attrattive e promesse che non sempre riesce a mantenere. Il suo utilizzo in Italia si sta espandendo a macchia di leopardo, ma quando vale davvero la pena passare dall’Adsl alla fibra ottica?

In tanti, hanno segnalato la presenza di problemi da Adsl a fibra, indipendentemente dal gestore telefonico interessato. In un mondo in cui bisogna sapersi vendere, cresce sempre più l’offerta in fibra ottica dei diversi gestori telefonici.

Grazie agli obiettivi di crescita e innovazione tecnologica dell’agenda digitale europea, lo sviluppo della fibra ottica ha visto negli ultimi due anni un’improvvisa impennata verso l’alto e sono molti gli utenti che puntano a fare il salto di qualità.

Problemi da Adsl a fibra: ponderate bene prima di decidere

Anche chi, da anni, ha attivo un contratto di linea fissa con l’Adsl si ritrova a dover valutare le nuove proposte disponibili di suo spontanea volontà oppure anche dietro suggerimento di un operatore telefonico.

Bisogna sempre accertarsi di quali siano i pro e i contro di ogni singola promozione così da evitare problemi nel passaggio da Adsl a fibra. Innanzitutto, al fine di scegliere gestore telefonico e relativa offerta, è opportuno verificare la distanza dell’abitazione dalla centralina e la tecnologia di accesso alla rete disponibile, ponendo massima attenzione alla copertura.

Prima di procedere, bisogna valutare quale sia l’opzione più adatta a noi e comprendere se siamo o meno soddisfatti della connessione che abbiamo attualmente. È molto importante, tra l’altro, verificare l’effettiva velocità della connessione di casa, anche grazie al supporto di uno dei tanti speed test gratuiti disponibili sul web.

Problemi da Adsl a fibra: ecco come avviene il passaggio

Una volta decisi, all’atto di inoltro della richiesta di passaggio da Adsl a fibra, l’operatore chiederà disponibilità per inviare all’abitazione un addetto che ha il compito di attivare la nuova linea. Ed è proprio in questo momento – badate bene – che potreste andare incontro a gravi rincari e spese superiori alla media.

L’addetto inviato dal gestore telefonico ha il compito esclusivo di attivare la nuova linea ma non si occuperà anche di disattivare quella precedente. A occuparsene deve essere il consumatore, telefonando direttamente al gestore e ribadendo l’avvenuto passaggio da Adsl a fibra. Per non correre il rischio di pagare due diverse bollette, dunque, nel momento in cui il vostro nuovo contratto sarà attivo, telefonate al servizio clienti di vostro riferimento, sottolineando di voler disattivare il precedente.

Problemi da Adsl a fibra: il consumatore può far sentire la propria voce

Se anche tu sei stato obbligato a pagare due diverse bollette oppure hai subìto in silenzio problemi nel passaggio da Adsl a fibra, inoltra reclamo scritto al tuo gestore, compilandolo in ogni sua parte e ponendo particolare attenzione nell’indicare giorno e ora in cui hai effettuato la prima segnalazione.

Unione dei Consumatori ti fornisce assistenza celere, concreta e a costo zero, finalizzata al risarcimento del danno da problemi da Adsl a fibra. Per usufruirne scarica il modulo di reclamo sul nostro sito, compilalo in tutte le sue parti e – dopo averlo trasmesso al tuo Gestore – inviacene copia su telecomunicazioni@unionedeiconsumatori.it.*

Per ulteriori informazioni contattaci ai numeri 091 6190601 – 370 1220734 (anche whatsapp), oppure invia un messaggio sul nostro form: un nostro consulente ti ricontatterà in breve tempo.

*Su unionedeiconsumatori@pec.libero.it (se utilizzi la PEC)