Sette utenti su dieci – inconsapevolmente – acquistano regali di Natale contraffatti. A confermarlo è una indagine della società MarkMonitor su un campione di 2600 consumatori di Usa, Regno Unito, Germania, Francia e Italia.

 

Un consumatore su tre ha acquistato un prodotto falso

La ricerca ha confermato che un consumatore su tre ha inavvertitamente acquistato un prodotto falso e il 68% di questi prodotti contraffatti sono stati comprati come regali di Natale.

L’indagine conferma la paura degli utenti sulle truffe on line.

Il 45% dei consumatori infatti teme di acquistare prodotti falsi come regalo di Natale; il 46% è preoccupato di utilizzare la propria carta di credito online; il 53% non acquista tramite i social media.

 

Parola d’ordine: prestare attenzione alle truffe on line

“I consumatori – dice il presidente dell’Unione dei Consumatori, Manlio Arnone – nonostante pongano attenzione negli acquisti online, spesso sono vittime di inganni e truffe. Come Associazione a tutela dei più deboli, vogliamo dare dei validi consigli per evitare di incappare in siti “truffa”.

È fondamentale infatti affidarsi a rivenditori e-commerce affidabili che adottino una valida politica di reso.

Per evitare spiacevoli coseguenze, teoricamente sarebbe opportuno:

  • fare attenzione alla molteplicità di rivenditori o ai siti web che utilizzano nelle loro stesse immagini un linguaggio molto simile per descrivere i loro prodotti;
  • evitare i siti registrati dalla stessa persona o azienda, comparando – in tale ipotesi – nomi, email, numeri di telefono e tutto quello che si potrebbe copiare.

 

Cosa fare in caso di truffe on line

Se hai subìto una truffa on line, per prima cosa procedi a denuciare l’accaduto alla Procura della Repubblica che agirà aprendo un apposito fascicolo ai danni del soggetto denunciante.

Se l’illecito è in corso, la denuncia può essere fatta anche oralmente di persona o per telefono, chiedendo il pronto intervento per impedire il protrarsi della situazione antigiuridica.

Per casi di minore urgenza, invece, si può procedere con la denuncia in forma scritta da presentare agli Uffici della Polizia di Stato.

Nel caso di truffe su Internet la Polizia di Stato ha messo a disposizione dei cittadini una speciale forma di denuncia online, da effettuarsi direttamente dal web collegandosi al sito della Polizia. Questa procedura, più rapida rispetto alla denuncia ordinaria, consente di fornire le proprie generalità, gli estremi di un documento d’identità e di dare il proprio consenso al trattamento dei dati personali.

Al termine dell’operazione, il sistema rilascerà una ricevuta elettronica e un numero di protocollo con il quale la vittima può recuperare la pratica presso l’ufficio di Polizia di Stato prescelto.

Attezione però, questa procedura non sostituisce la denuncia vera e propria – ovvero quella fatta di persona – ma rappresenta soltanto il primo step della procedura di presentazione della denuncia per reati telematici. Ed infatti, la vittima di truffa online dovrà necessariamente recarsi presso un ufficio di Polizia per eventuali integrazioni e per dare valore legale all’operazione iniziata su Internet.

Ove non si voglia sporgere denuncia presso l’Ufficio di Polizia è comunque possibile segnalare il fatto sul sito web della Polizia Postale, compilando gli appositi moduli.