Vuoi ottenere il rimborso servizi non richiesti? Vediamo insieme, come puoi farlo col nostro supporto.

 

Cosa sono gli abbonamenti a pagamento

Navigando online non è raro incappare nei tranelli della rete e, sempre più spesso, gli utenti si ritrovano con alcuni servizi a pagamento attivati in modo ingannevole. Rimborso servizi non richiesti

Gli abbonamenti a pagamento sono una di quelle “rogne” con le quali prima o poi tutti gli utenti hanno dovuto combattere, purtroppo, almeno una volta.

Sempre più spesso, infatti, il credito si azzera e si ricevono sms o mms di vario genere che permettono di accedere a dei siti definiti “esclusivi”, senza mai averne richiesto l’attivazione.

Come è possibile?

Basta semplicemente sfiorare – durante la navigazione su Internet – i banner pubblicitari e voilà: i servizi a pagamento si attivano quasi in modo automatico.

Ma non temere, c’è un rimedio a tutto.

Devi sapere, infatti, che è possibile bloccare i cosiddetti servizi a valore aggiunto e, nello stesso tempo, richiedere anche il rimborso servizi non richiesti.

È un diritto del consumatore!

 

Come richiede il rimborso servizi non richiesti

Per ovviare ai problemi dei servizi a sovrapprezzo che arrivano via sms o mms, la prima cosa da fare è chiedere la disattivazione immediata dell’abbonamento.

Poi, per dire addio per sempre alla possibilità di vedere attivi servizi di questo genere sul tuo numero, ti consigliamo di attivare il barring sms, un servizio che blocca definitivamente gli abbonamenti a pagamento.

Poichè ogni Gestore ha una procedura diversa, quindi, chiedi direttamente all’Operatore l’attivazione di detto servizio. Rimborso servizi non richiesti

Terminati questi due step, è importante che tu pretenda il rimborso servizi non richiesti, chiedendo al tuo Gestore la restituzione di quanto indebitamente sottratto per l’attivazione di un servizio a tua insaputa.

Molto spesso i Gestori, in prima istanza, negano il rimborso ma tu non demordere.

È necessario, anzitutto, mettere nero su bianco ciò che ti è accaduto e formalizzare al Gestore i reclami per quanto subìto tramite un reclamo, meglio se in forma scritta, che ti permetterà di ricevere, oltre al rimborso servizi non richiesti, anche il dovuto indennizzo economico previsto nei casi il Gestore non risponda alle tue lamentele.

Vediamo insieme come procedere.

 

Come ottenere il rimborso servizi non richiesti

Per ottenere il rimborso servizi non richiesti, oltre che l’eventuale indennizzo di cui abbiamo parlato prima, devi aprire un reclamo nei confronti del Gestore, nel quale segnalare la problematica in corso.

Ti ricordiamo che l’avvio di un reclamo – sempre obbligatorio al fine di ricevere l’indennizzo economico previsto per legge – può essere fatto mediante:

  • l’apertura di un ticket di segnalazione sul portale del Gestore;
  • la segnalazione telefonica, ricordando di appuntare il nome dell’operatore che l’ha preso in carica;
  • l’invio di un sms al Gestore;
  • lo screenshot della segnalazione nell’area utenti o su Facebook.

Ti consigliamo, comunque, di inoltrare sempre un reclamo scritto. In questo modo avrai la documentazione utile per giustificare una più efficiente e adeguata richiesta di pagamento dell’indennizzo, soprattutto in fase di controversia.

 

Rimborso servizi non richiesti: noi ti possiamo aiutare

Rivolgiti a Unione dei Consumatori e fai valere i tuoi diritti: entra nella nostra grande famiglia e diventa un consumatore consapevole.

Per ricevere ulteriori informazioni sul rimborso servizi non richiesti o su altre tematiche, contattaci inviando un messaggio attraverso il nostro form di contatto o al numero 370 1220734 (solo WhatsApp).

Verrai ricontattato in breve tempo da un nostro consulente che ti dirà cosa è possibile fare.

Se sei un nostro associato, contattaci allo 091 6190601.