Servizi in abbonamento non richiesti in bolletta? Unione dei Consumatori ti aiuta a richiedere un indennizzo e a disattivare gli abbonamenti.

Seppure bene in vista sugli estratti conto, i servizi a pagamento non richiesti spesso sono attivati a insaputa del consumatore. Difatti, seduto comodi davanti al tuo PC o navigando sullo smartphone, ti sarai di certo imbattuto in quei graziosi banner pubblicitari o in quelle icone lampeggianti che appaiono e scompaiono sui nostri display e, prima ancora di capire di cosa si tratta, ci hai involontariamente cliccato sopra o, magari, non ci hai cliccato affatto. La differenza purtroppo non rileva poichè – sia che questi si configurino come abusi ai danni dei consumatori o che si identifichino in vere e proprie truffe – la nostra bolletta è già lievitata a causa dell’attivazione di servizi o abbonamenti non richiesti contro la nostra espressa volontà!

Come disattivare servizi a pagamento non richiesti

Chiariamo alcuni concetti e mettiamo in atto alcune piccole ma importanti precauzioni per non incappare o disattivare abbonamenti a servizi non richiesti:

  • fai attenzione mentre navighi con lo smartphone: evita di cliccare su banner o contenuti sui quali non hai indicazioni di navigazione sicura;

  • controlla con cadenza regolare il tuo traffico telefonico e le bollette;

  • pretendi il blocco dei servizi telefonici aggiuntivi, se non richiesti.

Migliaia di segnalazioni per ottenere il rimborso sui servizi a pagamento non richiesti

È boom di segnalazioni – dichiara Manlio Arnone, Presidente di Unione dei Consumatori – e, solo nell’ultimo mese, sono stati centinaia gli utenti che si sono rivolti ai nostri sportelli o hanno chiamato i nostri uffici lamentando di aver ricevuto fatturazioni telefoniche lievitate a causa di servizi mai richiesti e/o, peggio ancora, per mancata informazione sul superamento della soglia contrattuale predeterminata”.

E’ ora di dire basta!

Unione dei Consumatori – raccogliendo il tuo SOS – può assisterti, mettendo a tua disposizione i suoi professionisti per:

  • accertare i casi di servizi non richiesti e valutare gli estremi di una responsabilità attribuibile a un provider o a un Gestore telefonico;

  • assisterti nella compilazione e presentazione del reclamo per servizi in abbonamento non richiesti;

  • indicarti l’iter corretto per la dismissione del servizio aggiuntivo non richiesto e per l’ottenimento dell’indennizzo economico previsto per legge.

Come richiedere un indennizzo per servizi in abbonamento non richiesti

Per richiedere il rimborso di quanto indebitamente sottratto, oltre l’indennizzo per servizi in abbonamento non richiesti, è necessario – anzitutto – effettuare un reclamo scritto all’Operatore.

Per fare ciò, utilizza il nostro modulo di reclamo espressamente dedicato al caso in questione, segui le istruzioni allegate e – se desideri avvalerti della nostra assistenza a costo zero – inviaci copia dello stesso (unitamente all’evidenza di invio effuettuato) su servizinonrichiesti@unionedeiconsumatori.it.

Sarai ricontattato in tempo breve da un nostro consulente, che ti indicherà le modalità operative.

Se desideri, invece, ulteriori informazioni  invia un messaggio sul nostro form, oppure chiamaci ai nr. 091 6190601370 1220734 (anche whatsapp)

 

Cos’altro ti può essere utile sapere

Analogamente al caso trattato in questo articolo, il tema degli indennizzi economici previsti nel campo delle Telecomunicazioni riveste così tale importanza da indurci – seppur brevemente – a farne cenno in questa sede.

Difatti, non tutti sanno che l’Autorità Garante – a tutela del consumatore/utente – vigila non solo sul corretto adempimento dei termini contrattuali e sugli abusi, come il caso dei servizi a pagamento non richiesti, ma prevede e riconosce ai vari soggetti – sia essi utenti residenziali che professionisti o aziende – fruitori di servizi nel settore, un risarcimento economico – definito Indennizzo – a ristoro dei disagi / danni subiti, anche a seguito di disservizi a vario titolo.

A titolo di esempio, fanno parte dei disservizi tutelati e indennizabili: