Odissea per i passeggeri del volo Ryanair Palermo-Bologna dello scorso 11 settembre, il volo con partenza alle ore 22 da Punta Raisi ha accumulato ben sei ore e mezzo di ritardo. Un vero e proprio calvario per i passeggeri.

Il fatto

Dopo un primo avviso che il volo avrebbe avuto un ritardo di una sola ora, alle 00.20 i passeggeri hanno iniziato l’imbarco, ma una volta a bordo gli è stato comunicato che a causa della chiusura dell’aeroporto di Bologna, stabilita per le 01.30, l’aereo sarebbe atterrato a Pisa e mediante autobus i passeggeri sarebbero stati trasportati a destinazione, fino a Bologna.

Ma le sorprese non finiscono, durante il volo, il comandante comunica che la destinazione finale sarebbe stata l’aeroporto Orio al Serio di Bergamo, dove appunto l’aereo è atterrato intorno alle 3 del mattino. L’odissea per i passeggeri è finita solo alle 6 del mattino, quanto finalmente in pullman hanno raggiunto la metà prefissata: Bologna.

Cosa puoi fare per ottenere indennizzo

“Nelle scorse settimane  racconta Manlio Arnone presidente dell’Unione dei Consumatori – avevamo denunciato l’inadeguatezza dei collegamenti tra la Sicilia e il resto d’Italia”.

Chiediamo a tutti i passeggeri del volo Ryanair Palermo-Bologna, ma anche a tutti gli utenti che hanno subìto o subiranno disagi anche da altre compagnie aeree, di valutare la possibilità di recuperare un indennizzo previsto per ritardi, smarrimento o danneggiamento delle valige o overbooking.

Tutti interessati possono contattarci al numero dedicato 091 8439038, oppure mandare una mail tramite il nostro form di contatto.