Wind non funziona o non va e non sai come comportarti?

Non sei l’unico a lamentare disservizi, di vario genere, con la Compagnìa.

Sei comunque nel posto giusto per capire, finalmente, come poter agire e tutelare i tuoi diritti in modo efficace.

Difatti chi meglio di noi, che siamo una Associazione di Consumatori può spiegarti i meccanismi che stanno dietro i disservizi e – soprattutto – quali sono le modalità per:

  • risolvere velocemente il problema;
  • ottenere un risarcimento economico per i disagi che, in conseguenza di ciò, sei costretto a subire.

Vediamo, quindi, nei casi in cui Wind non va, quali sono i problemi più frequenti e cosa fare per risolverli in al meglio.

Buona lettura …

 

 

Se Wind non funziona perché il segnale telefonico è assente

Quante volte ti è capitato di provare a chiamare qualcuno, alzare la cornetta e trovare il telefono muto e quindi rilevare il segnale Wind assente?

Qualsiasi numero provi a chiamare poco cambia, dall’apparecchio telefonico tutto tace.

L’unica cosa che bisogna fare, in questi casi, è capire che tipo di guasto è in corso, e cercare una soluzione.

I problemi di funzionamento della linea telefonica, purtroppo, sono sempre più spesso lamentati dagli utenti, che vivono  questa situazione come un grande disagio per l’importanza odierna del telefono.

Normalmente, i guasti alla linea telefonica dipendono da un problema tecnico alla propria cabina territoriale o ad altri problemi tecnici del Gestore.

Cosa fare, allora, quando Wind non funziona e il segnale Wind risulta assente?

 

Quando Wind non va

Sia che il segnale telefonico risulti assente, sia che la linea Wind non funziona correttamente – perché, magari genera fastidiosi rumori di sottofondo che provocano interferenze – la prima cosa da fare è inoltrare una segnalazione a Wind.

Il Gestore ti fornirà un ticket, con il quale potrai seguire l’avanzamento della tua pratica. In 2/3 giorni il disguido dovrebbe essere riparato, quindi l’assistenza tecnica dovrebbe essere immediata. Dovrebbe, per l’appunto.

In pratica i tempi potrebbero anche dilatarsi.

Se le tempistiche previste non vengono rispettate, puoi far valere le tue ragioni e ottenere quanto ti spetta inoltrando un reclamo scritto.

È fondamentale che il reclamo sia scritto sia per avere una prova dell’effettivo invio di questo e sia per avere la data precisa. Inoltre, nel reclamo è bene fornire quanti più dettagli possibili in modo da avere un quadro completo e dettagliato della situazione.

Ti ricordiamo che l’Operatore è obbligato per legge a rispondere entro 45 giorni al reclamo, e questo sia con risposta positiva sia negativa. In caso contrario, è tenuto a corrisponderti un indennizzo economico anche per mancata risposta al reclamo.

 

► COMPONI ADESSO IL TUO RECLAMO WIND ◄

 

Wind non funziona: forse è un problema di connessione dati

Vediamo cosa fare quando Internet non funziona nel caso in cui:

  • il modem funzioni correttamente;
  • i problemi di connessione dipendono proprio dal modem.

Nel primo caso, appurato che i problemi di Internet non siano collegati al proprio modem, è opportuno fare la segnalazione presso il proprio operatore telefonico.

In pochi giorni l’assistenza dovrebbe correre ai ripari e il guasto dovrebbe venir risolto nel minor tempo possibile.

Se invece, dopo la segnalazione – e passati dei giorni – il guasto continua e Wind non va ancora, il consumatore deve inoltrare un reclamo scritto al Gestore telefonico.

Come ripetiamo sempre, l’Operatore ha l’obbligo di rispondere al reclamo, sia nel caso di risposta positiva che negativa.

Qualora il Gestore non dovesse attivarsi nella risoluzione del disservizio, il cliente potrà tentare la prassi di conciliazione obbligatoria presso il Co.re.com, di competenza.

Il consumatore potrà richiedere un risarcimento al gestore per i danni subiti.

Anche nel caso di malfunzionamenti della linea Internet, le modalità e le tempistiche che il Gestore deve rispettare sono contenute nella Carta dei Servizi.

 

Quando l’ADSL Wind non funziona

A volte, i problemi con la connessione derivano da cause riguardanti la nostra abitazione e i nostri dispositivi come, ad esempio:

  • cavi mal collegati;
  • filtri non connessi bene;
  • modem mal posizionato;
  • problemi derivati dalle prolunghe.

Se Wind non funziona e la linea ADSL risulta avere dei problemi bisogna fare alcune prove e verifiche.

Vediamo quali:

  • le prolunghe possono danneggiare il segnale, pertanto è opportuno rimuoverle o cambiarle;
  • ogni telefono deve essere provvisto di filtro, ogni filtro collega il telefono al modem;
  • nel caso di teleallarmi o centralini, nell’impianto deve essere collegato un filtro apposito detto splitter.
  • se la connessione risulta lenta puoi effettuare dei test diagnostici con il software gratuito Ne.Me.Sys.

 

► COMPONI ADESSO IL TUO RECLAMO WIND ◄

 

Wind non funziona per problemi con la Fibra

In tanti decidono di effettuare il passaggio da Adsl a Fibra pensando di ottenere una connessione migliore, più veloce e all’avanguardia.

In realtà, i disservizi lamentati dagli utenti nei confronti della fibra ottica del Gestore Wind sono notevoli.

Vediamo quali potrebbero essere i problemi di connessione una volta effettuato il passaggio alla fibra, i disservizi lamentati dai consumatori quando Wind non funziona e le caratteristiche di questi ultimi.

Innanzitutto, bisogna essere sicuri che nel proprio territorio di appartenenza sia presente la fibra, quindi che ci sia l’adeguata copertura.

Se la connessione risulta avere dei problemi, e quindi la rete Wind non funziona, ma non sono ancora passate 72 ore da quando c’è stata l’attivazione della nuova offerta, è meglio attendere prima di chiedere la disdetta.

In questo caso, infatti, il Gestore telefonico potrebbe addebitare una penale al cliente.

Qualunque sia il tipo di disservizio di connessione fibra riscontrato, quindi sia che questo si verifichi nel passaggio da ADSL a fibra, sia che la connessione risulti disturbata anche quando ormai il passaggio è avvenuto da un po’, per prima cosa è bene controllare se il modem Wind non funziona.

 

Cosa fare se Wind non funziona per colpa del modem

Il modem deve essere correttamente posizionato su una base stabile, una zona areata ed essere ben collegato.

Se dopo queste verifiche il modem risulta funzionante e opportunamente collegato, ma ancora la connessione Wind non funziona, si deve procedere con una segnalazione al proprio Gestore telefonico.

Se quest’ultimo non provvede a risolvere il disguido del cliente, si potrà procedere con l’invio di un reclamo formale scritto e la richiesta di risarcimento per il danno subito.

Se l’operatore non risponde nemmeno al reclamo – al quale per legge è obbligato a rispondere entro 45 giorni, sia in caso di risposta positiva che negativa – il cliente potrà richiedere un’ulteriore richiesta di indennizzo per mancata risposta al reclamo.

L’indennizzo è calcolato in base al numero dei giorni di ritardo e di disservizio subiti.

 

► COMPONI ADESSO IL TUO RECLAMO WIND ◄

 

Quando la rete mobile Wind non funziona

Molti utenti lamentano problemi alla rete mobile Wind, come ad esempio:

  • internet lento;
  • down di rete;
  • blackout totale della rete;
  • problemi di linea telefonica.

Il disservizio più fastidioso, quando Wind non funziona, è sicuramente la comparsa della dicitura “nessun segnale” e quindi il servizio totalmente assente.

Questo provoca numerosi e fastidiosi disagi per il consumatore dato che, ormai, senza cellulare è davvero difficile svolgere il proprio lavoro e le proprie abitudini quotidiane.

Se dopo aver spento e riacceso il cellulare e accertatosi che non funziona Wind per un problema imputabile al Gestore, è necessario segnalargli il disservizio in atto.

Se questo non viene risolto nel breve periodo e nonostante le continue sollecitazioni, il cliente può ottenere un risarcimento per i disagi subiti.

 

Wind non va come dovrebbe? Affidati a noi!

Hai riscontrato disservizi Wind che non sei riuscito a risolvere?

Vuoi essere sicuro che il tuo Gestore telefonico abbia rispettato gli obblighi e i doveri nei tuoi confronti?

Ma soprattutto, desideri sapere come richiedere un indennizzo quando Wind non funziona?

Segui queste semplici istruzioni:

Rivolgiti a Unione dei Consumatori e fai valere i tuoi diritti, entra nella nostra famiglia e diventa un consumatore consapevole.

Per ricevere ulteriori informazioni contattaci inviando un messaggio attraverso il nostro form di contatto o al numero whatsapp 370 1220734.

Verrai ricontattato in breve tempo da un nostro consulente che ti dirà cosa è possibile fare.

Se sei un nostro associato, chiamaci allo 091 6190601.

 

Per saperne di più...

 

La Carta dei servizi del Gestore

La Carta dei Servizi è lo strumento a garanzia dei diritti dei consumatori / utenti.

In essa sono contenute:

  • le tempistiche di ripristino del servizio che, a seguito di una segnalazione, l’Operatore deve rispettare quando Wind non funziona;
  • tutti gli altri obblighi e doveri che regolano il rapporto che intercorre tra Gestore telefonico e cliente.

Tra questi ultimi rientra anche il dovere di inoltrare un reclamo all’Operatore per lamentare i disservizi in atto; reclamo al quale però Wind ha l’obbligo di rispondere compiutamente entro 45 giorni.

Se non dovesse farlo o dovesse fornire una risposta insufficiente, avrai diritto ad un indennizzo specifico per mancata risposta al reclamo.

Tornando agli indennizzi automatici previsti, in base alla Carta dei servizi Wind è dovuto:

  • un risarcimento di 2 euro al giorno, per un massimo di 100 euro, nel caso di sospensione del servizio telefonico senza preavviso;
  • 2 euro per ogni giorno di ritardo, per un massimo di 100 euro, se la linea non viene attivata entro 48 ore successive alla richiesta di attivazione sui sistemi per il servizio radiomobile effettuata dal cliente;
  • 5 euro per ogni giorno di ritardo, per un massimo di 100 euro, nel caso in cui irregolarità del servizio telefonico non vengano sistemate entro il quarto giorno successivo alla segnalazione effettuata dal cliente;
  • 2.5 euro al giorno per mancata risposta al reclamo, trascorsi 45 giorni dall’invio.

La Carta di Servizi Wind prevede che l’indennizzo sia automaticamente corrisposto al cliente: nel caso in cui ciò non dovesse accadere si concretizza a carico di Wind la condizione dell’esser venuti meno agli impegni contrattuali e, dunque, si ha diritto a ricorrere presso l’Autorità Garante (AGCOM).

Contattataci e ti diremo cosa fare.