Hai programmato una mega vacanza con la tua famiglia o il tuo partner in un posto incantevole ma sei rimasto a terra per via di uno sciopero voli? Niente paura, hai diritto a un rimborso volo per sciopero.

In realtà, sono ancora pochissimi i passeggeri al corrente del fatto che si possano ottenere rimborsi a compensazione nel caso in cui le cose non vanno come dovrebbero. La mancanza di un’adeguata conoscenza da parte del viaggiatore consente alle Compagnìe di restare in silenzio, evitando così l’esborso di quote esose.

Lo sciopero voli, fino ad ora, non è stato contemplato dal legislatore come una possibile fattispecie oggetto di rimborso. In queste occasioni, il passeggero ha avuto diritto soltanto all’assistenza da parte delle Compagnìe e/o del personale di terra dell’aeroporto.

Di seguito, vediamo come si è evoluta la giurisprudenza in tal senso, quali sono le misure di tutela per i viaggiatori e analizziamo, in breve, l’eventualità che debba presentarsi un reclamo finalizzato all’ottenimento del rimborso volo per sciopero.

 

Sciopero voli: nuove e vecchie misure di tutela per i passeggeri

Lo sciopero volo non rappresenta una motivazione valida che ne giustifichi la cancellazione. A ribadirlo, con una recente sentenza, il Giudice di Pace del Tribunale di Palermo, Daniela Liggio, che ha dato ragione a due passeggeri palermitani in causa con la compagnia aerea Ryanair.

La realtà dei fatti mostra come, fino ad ora, il passeggero ha avuto assicurati i propri diritti soltanto in caso di volo cancellato, in ritardo o in overbooking. Quest’ultima pratica rileva quando vengono prenotati troppi posti a sedere rispetto a quelli effettivamente disponibili.

A rendere più incisive le misure di tutela dei viaggiatori, il regolamento Ue 261 del 2004. La sentenza del Giudice di Pace di Palermo costituisce, in tal senso, un punto di svolta cruciale al punto che, prima o poi, anche la Carta dei diritti del Passeggero dovrà attenervisi.

Quest’ultimo documento costituisce l’insieme delle norme che tutelano il passeggero nel caso in cui sia sopravvenuta la cancellazione del volo o si verifichino altri disservizi inerenti il volo prenotato.

La carta rappresenta di fatto un vademecum completo che tratta anche i temi della sicurezza sugli aerei e i controlli di sicurezza in aeroporto, la normativa sugli scioperi del settore aereo e tanto altro.

Tra i disservizi contemplativi rientrano l’overbooking, il negato imbarco, la cancellazione o i ritardi prolungati dei voli e ancora la perdita, la consegna ritardata o il danneggiamento dei bagagli. Niente però disciplina a riguardo del caso di rimborso volo per sciopero.

 

Sciopero voli: come presentare un reclamo

Sempre più, gli scioperi del personale di compagnie aeree e di quello aeroportuale causano innumerevoli ritardi e cancellazioni di voli in tutta Europa e coinvolgono milioni di passeggeri che si ritrovano a dover cambiare i propri piani di viaggio, il più delle volte prevedendo costi aggiuntivi.

Essendo quella del rimborso volo per sciopero una normativa del tutto nuova, chi si trova a dover aprire una pratica di reclamo fa bene ad affidarsi a esperti del settore che siano a conoscenza dei tanti cavilli che potrebbero presentarsi.

Primo intestatario del reclamo, anche in caso di sciopero voli, è la compagnia aerea ma, quando questa non dà cenno di risposta entro 6 settimane dalla presentazione del reclamo stesso, è necessario appellarsi all’Ente Nazionale dell’aviazione Civile (ENAC).

 

Rimborso volo per sciopero: cosa possiamo fare per te

Per non fare errori e rischiare di vederti negato il rimborso volo per sciopero, unisciti a Unione dei Consumatori e diventa un consumatore informato.

Per ricevere la nostra assistenza gratuita, in ordine alla fattispecie dello sciopero voli, scarica i nostri moduli di reclamo e inviaci tutta la documentazione che è in tuo possesso (biglietto aereo, comunicazione di cancellazione per sciopero ed eventuali reclami già presentati alla compagnia): ogni singolo documento può essere di fondamentale importanza ai fini della risoluzione del tuo caso.

Per ulteriori informazioni contattaci ai numeri 091 6190601 – 370 1220734 (anche whatsapp), oppure invia un messaggio nel nostro form: un nostro consulente ti ricontatterà in breve tempo