Tra i vari servizi che il gestore di telefonia fissa Telecom propone, secondo contratto sottoscritto, vi è l’inserimento del proprio nominativo e recapito telefonico sull’elenco telefonico della provincia di appartenenza.

Può accadere che tale recapito presenti degli errori che, per evidenti motivi, causano disagi e disservizi: in questi casi la Telecom deve risarcire l’utente titolare dell’utenza telefonica, sia commerciale che privata.

Tale disservizio viene considerato un inadempimento contrattuale e per questo motivo, in riferimento alle condizioni generali dell’abbonamento, Telecom dovrà, oltre che rettificare l’errore riscontrato, risarcire due mensilità del canone se l’errore interessa o il nominativo o il numero telefonico; quattro mensilità se l’errore si verifica in entrambi i casi.

L’utente, inoltre, può richiedere un ulteriore risarcimento danni se i disagi subìti hanno determinato delle perdite in termini economici.