Uno sguardo al problema

La sostituzione prodotto difettoso è un diritto del consumatore che ha acquistato un bene che si è rivelato diverso dalle aspettative.

Ecco quando è possibile pretendere la sostituzione o la riparazione in garanzia.

E se il venditore non vuole assecondare la tua legittima richiesta…

Noi dell’Unione dei Consumatori possiamo risolvere il tuo problema gratuitamente e in tempi brevi!

CHIEDI IL NOSTRO AIUTO

INDICE

Sostituzione prodotto difettoso in garanzia: quanto dura

Il Codice del Consumo stabilisce che i consumatori abbiano diritto a una garanzia sui prodotti acquistati di due anni (garanzia legale).

Tale tutela può essere estesa dal venditore con un’ulteriore garanzia facoltativa, ma mai ridotta o addirittura elusa.

I 24 mesi si calcolano dal momento in cui il bene è stato consegnato.

Tuttavia l’utente deve tempestivamente rilevare il vizio di conformità al venditore: dopo due mesi dalla scoperta del vizio, la garanzia decade.

Noi dell’Unione dei Consumatori consigliamo di denunciare i difetti di conformità al venditore esclusivamente in modalità scritta e certificata, quindi:

  • per Pec
  • tramite raccomandata A/R.

Con tutte le altre modalità il venditore potrebbe facilmente giustificare la sua negligenza affermando di non aver mai ricevuto la richiesta.

Se il prodotto acquistato è difettoso, ovvero presenta un difetto di conformità rispetto a quanto pattuito nel contratto, il cliente ha diritto gratuitamente alla:

  • sostituzione articolo difettoso
  • riparazione in garanzia.

Se questo non è possibile o comporta eccessivi costi per il venditore, quest’ultimo può offrire un rimedio alternativo, ridurre il prezzo o risolvere il contratto.

 

Riduzione del prezzo e risoluzione del contratto

 La riduzione del prezzo e la risoluzione del contratto – secondo quanto previsto dal Codice del Consumo – possono essere applicate solo quando la sostituzione e la riparazione prodotto difettoso non sono possibili.

Oppure su richiesta del consumatore, se il venditore non ha provveduto per tempo o se la riparazione in garanzia ha comportato notevoli inconvenienti.

La facoltà di scelta del consumatore incontra però il limite nella gravità del difetto: se è di lieve entità, potrà essere richiesta soltanto la riduzione del prezzo e non la risoluzione del contratto.

 

Attenzione

Il difetto è di lieve entità se non pregiudica l’utilizzo dell’articolo acquistato.
Per determinare l’importo della riduzione del prezzo, si deve tener conto dell’uso del bene.

 

Riparazione  e sostituzione in garanzia: richiesta e tempistiche

Per richiedere la sostituzione prodotto in garanzia al venditore, il consumatore ha 26 mesi di tempo (2 anni e due mesi). Dopodiché la richiesta sarà prescritta.

 

Lo sapevi che…

Anche se la responsabilità del difetto di conformità è del produttore la sostituzione prodotto difettoso dev’essere comunque chiesta al venditore? Diverso è invece il caso in cui l’articolo difettoso ha causato dei danni.

Se, per esempio, chiedi la sostituzione elettrodomestico in garanzia che ti ha causato dei danni fisici e materiali, il venditore deve procedere esclusivamente alla sostituzione del bene in garanzia.

Il risarcimento danni spetta al produttore.

 

La riparazione o la sostituzione acquisto difettoso devono essere eseguite dal venditore:

  • entro un “congruo termine”
  • senza arrecare “notevoli inconvenienti” al consumatore.

Tale previsione intende limitare la possibilità che i tempi della riparazione o della sostituzione si dilatino eccessivamente o che la prestazione del rimedio chiesto comporti gravi disagi per il consumatore.

 

Ricorda

La determinazione del termine congruo e dell’inconveniente notevole vanno stabiliti in relazione alla natura del bene e dello scopo per cui è stato acquistato.

La determinazione del termine congruo e dell’inconveniente notevole andrebbe, quindi, compiuta con riferimento al settore merceologico cui appartiene il bene.

 

Quando non è possibile pretendere la sostituzione merce in garanzia

La sostituzione del bene in garanzia si estende anche al servizio di installazione. Ma non è coperta dalla garanzia legale quando il prodotto non è finalizzato al consumo privato. E quindi quando è acquistato da:

  • persone giuridiche
  • enti con finalità non lucrative
  • persone fisiche qualificabili come professionisti e imprenditori

 

contestazione fattura Wind Tre Infostrada

Lo sapevi che…

Se hai la partita Iva e chiedi la fattura per la merce acquistata, lasci presumere che i prodotti abbiano fini diversi dal consumo privato?

 

Il venditore ha il diritto di non procedere alla sostituzione in garanzia se il prodotto acquistato non presenta difetti.

Se, per esempio, hai acquistato una collana e ci hai ripensato, potresti non poter effettuare il cambio merce. La scelta, in questo caso, spetta esclusivamente a chi te l’ha venduta.

 

Come provare il difetto di conformità per la sostituzione prodotto difettoso

Per salvaguardare il diritto alla sostituzione o riparazione in garanzia, il consumatore deve conservare almeno per 26 mesi dalla consegna del bene l’intera documentazione relativa al suo acquisto.

Se l’acquisto è avvenuto senza contratto scritto o con buono d’ordine, bisogna conservare gli altri documenti presenti: scontrino; tagliando assegni; cedolini di carte di credito; documentazione illustrativa del prodotto; confezione; garanzia; etc.

La garanzia legale è obbligatoria anche per i contratti a distanza.