Uno sguardo al problema

Basta una chiamata, una visita “porta a porta” o un “sì” di troppo per dare avvio ad un nuovo contratto ad insaputa del cliente.

Il cambio gestore gas senza consenso, avviene infatti senza che l’utente se ne renda conto, con il rischio di ritrovarsi abbonati a sorpresa a nuovi e sicuramente più costosi servizi senza aver fatto richiesta o aver dato il proprio consapevole consenso.

Cosa fare e come difendersi dai truffatori?

Vadiamo qui di seguito

 

Strategie e truffe nel cambio del gestore gas senza consenso

Come si incappa in un cambio del gestore gas senza consenso? E come difendersi?

I malfattori che vogliono truffare il cittadino sfruttano essenzialmente due strategie:

  • truffa telefonica
  • truffa “porta a porta”

Nel primo caso, basta una telefonata per indurre in errore il malcapitato. Come ci testimonia un nostro associato, Maurizio xxx, cadere nel tranello è fin troppo facile.

Il falso agente commerciale conquista l’attenzione con una banale scusa, chiedendo di controllare le bollette. Riesce così ad ottenere i dati personali e i codici identificativi delle forniture.

Ecco che, con i dati personali, il truffatore può facilmente realizzare un nuovo piano contrattuale e fare il via alla procedura per fare il cambio del fornitore gas senza consenso.

Nel secondo caso, parliamo di truffa “porta a porta” quando il truffatore si prende la briga di presentarsi in casa. Un giovane ben curato e sorridente, riesce a circuirvi con una straordinaria parlantina presentandosi come operatore di un’azienda del gas.

Ispirando fiducia e lasciandosi convincere dal (falso) cartellino di riconoscimento, il cittadino inconsapevole comunica i suoi dati e l’ultima bolletta. È così che il truffatore riesce a mettere in atto il cambio gestore gas senza consenso.

 

Cosa fare se hai subito, con raggiro, il cambio gestore gas senza consenso?

Ormai è tardi, hai detto un “sì” di troppo e hai fornito i tuoi dati: cosa puoi fare?
Niente paura, Unione dei Consumatori, che conosce bene l’importanza dell’essere informati, ti aiuta a scoprire le modalità con cui puoi annullare il contratto.

Hai due modi per recedere:

  1. il diritto di ripensamento che ti consente di annullare entro 14 gg il contratto stipulato fuori dai locali commerciali
  2. Il disconoscimento della firma.