Introduzione

Hai ricevuto una notifica per posta privata di un atto giudiziario o una multa e vuoi sapere se è legittima?

Se è arrivata dopo l’1 settembre 2017, sì!

Attenzione però, se la notifica è avvenuta prima, puoi contestarne il contenuto richiedendo al nostra assistenza.

CONTATTACI SUBITO

INDICE

Il fatto

Da quando gli atti giudiziari possono essere sottoposti a notifica posta privata?

La Cassazione, con la sentenza n. 8089/2018, depositata il 3 aprile 2018, ha riconosciuto come il suddetto principio non è più applicabile a seguito della avvenuta liberalizzazione del servizio postale per mezzo della legge 124/2017.

I Giudici di legittimità, prendendo spunto dal caso di un ricorso dichiarato inammissibile in quanto notificato con posta privata, hanno chiarito come l’esclusiva del servizio in questione è stata abrogata dal 10 settembre 2017.

 

Altri seggerimenti dalla Cassazione sulla notifica poste private

La Cassazione ha sottolineato come in tema di notifiche di atti giudiziari (e quindi anche di contravvenzioni del Codice della Strada, cartelle e accertamenti) ci sia un’esclusiva a favore di Poste Italiane Spa fino al 2017, giustificandone i motivi di ordine pubblico.

Ha altresì affermato che la liberalizzazione del servizio postale è ammessa esclusivamente dal 10 luglio 2017, dovendosi escludere qualsiasi efficacia retroattiva della norma introduttiva del nuovo sistema.

Da ciò ne consegue che una eventuale notifica posta privata nel periodo precedente il 10 settembre 2017, non può essere considerata legittima e quindi efficace in termini di esistenza dell’atto stesso notificato.

La sopra citata sentenza è stata tra l’altro preceduta da diversi altri giudizi emessi dalla Cassazione sempre sullo stesso tema.

 

Le altre ordinanze sulla notifica posta privata

In particolare è conveniente segnalare le Ordinanze n. 3010 del 7 febbraio 2018, n. 2173 del 29 gennaio 2018 e n. 23887 dell’11 ottobre 2017.

Tali Ordinanze sono particolarmente interessanti!

Queste, non solo perché riguardano casi di notifiche di cartelle ed atti processuali, ma anche perché aggiungono un ulteriore tassello rispetto alla possibilità di utilizzare il servizio postale privato senza incorrere nel vizio di notifica.

Infatti, con tali Ordinanze è stato specificato che “fino a quando non saranno rilasciate da parte dell’AGCOM le nuove licenze individuali, le notificazioni eseguite da Poste private continueranno ad essere inesistenti”.

Dunque, affinché possano essere ritenute valide le notifiche, anche dopo il 10 settembre 2017, occorre che al soggetto di poste private sia stata rilasciata apposita licenza da parte dell’AGCOM.