Il tuo Operatore telefonico ha ritoccato al rialzo la tariffa o ha variato il contratto esistente, effettuando una modifica unilaterale del contratto? Da oggi – grazie all’intervento dell’AGCOM, che ha cambiato le regole – l’Operatore telefonico che effettui la modifica unilaterale del contratto, autorizza implicitamente il proprio cliente al recesso contratto telefonico senza penale.

Modifica unilaterale del contratto telefonico: è legittima?

Gli utenti telefonici, fin troppo spesso, vengono interessati da novità contrattuali e – soprattutto – dal continuo cambio del piano tariffario, che l’Operatore si limita a comunicare  con un semplice sms. Poichè tali modifiche, molto raramente vanno a vantaggio del consumatore, puntualmente e comprensibilmente, quest’ultimo è indotto a chiedersi se questa modifica unilaterale del contratto sia legittima.

La legge “purtroppo” dà ragione agli Operatori telefonici che – a mente dell’articolo 70 del Codice delle comunicazioni elettroniche – hanno facoltà di cambiare le condizioni (anche economiche) dei propri contratti in qualsiasi momento, purchè ne diano preavviso ai loro clienti almeno 30 giorni prima che la modifica in questione  entri in vigore.

Recesso contratto telefonico: d’ora in poi senza penali se viene fatto per modifica unilaterale del contratto

Sebbene la modifica unilaterale del contratto sia dunque legittima – nel caso in cui l’utente, a seguito della modifica medesima, decida di effettuare il previsto recesso contratto telefonico – le nuove norme imposte dall’AGCOM impongono espressamente agli Operatori telefonici di non addebitare più penali per recesso contratto telefonico e di non richiedere il rimborso di sconti applicati e/o di eventuali importi promozionali goduti.

Come facilmente percepibile – quanto imposto dall’AGCOM, che si è mossa con evidente successo – ha letteralmente sovvertito la procedura adottata fino ad oggi dagli Operatori che, comunicando ai propri clienti un cambio contrattuale, li autorizzavano alla fuoriuscita dal contratto solo a condizione del pagamento di penali e alla restituzione della scontistica applicata.

Altro aspetto importante introdotto riguarda i contratti che prevedono, unitamente alla sottoscrizione del servizio, l’acquisto rateale di un apparato telefonico; anche in questo caso – evento, tra l’altro per nulla raro – il cliente che ha subìto la modifica unilaterale del contratto e sta pagando a rate il telefono acquistato, avrà diritto a mantenere il beneficio del pagamento rateale.

Penale per recesso anticipato: le tariffe variano per Operatori

I provvedimenti dell’AGCOM, come abbiamo potuto vedere, hanno innovato come recedere da un contratto telefonico senza penali, nel caso specifico in cui vi sia stata una modifica unilaterale del contratto e il cliente non sia stato d’accordo con le nuove tariffe e condizioni proposte.

E’ opportuno sottolinerare però che, nel caso in cui si receda per altri motivi, i costi per recesso contratto telefonico anticipato continuano a sussistere e variano in base dell’Operatore, non vigendo regole o imposizioni standardizzate in capo agli stessi; ciò vale sia nel caso in cui si decida di cessare la linea telefonica in anticipo, sia che si decida di migrare verso altro Operatore.

Per ricevere informazioni o richiedere la nostra assistenza a costo zero, chiama ai numeri 091 61 90 601 / 370 1220734 (anche whatsapp) o invia un messaggio sul nostro form.

Un consulente dedicato ti ricontatterà in breve tempo e ti darà ogni utile indicazione su come recedere da un contratto telefonico senza penali.