Introduzione

Il risarcimento vittime della strada è un argomento spesso spinoso e complesso.

In questa guida ti daremo delle informazioni utili sul fondo vittime della strada

Ma non solo, Unione dei Consumatori potrà fornirti tutta l’assistenza necessaria durante tutte le procedure previste.

CONTATTACI SUBITO

INDICE

Cos’è il fondo vittime della strada?

Il fondo di garanzia per le vittime della strada è stato istituito per legge ed è operativo dal 1971.

Nasce a tutela di tutti i danneggiati che rimangono coinvolti in incidenti stradali inconsueti, causati ad esempio da:

  • pirati della strada
  • veicoli non coperti da assicurazione
  • veicoli assicurati con una Compagnia assicurativa fallita o in fallimento

Il Fondo Vittime della strada si autofinanzia grazie al contributo di tutti gli automobilisti che sottoscrivono una polizza Rc auto (responsabilità civile verso terzi).

Nello specifico, una piccola parte del premio assicurativo pagato da ciascun automobilista o motociclista per la propria polizza, viene sempre destinato a favore del Fondo di Garanzia per le vittime della strada.

La somma quindi è a tutti gli effetti un “tesoretto” messo a disposizione per il pagamento dei danni causati da incidenti avvenuti in “condizioni non normali”.

L’amministrazione spetta alla Consap, la quale agisce sotto il diretto controllo del Ministero dello Sviluppo Economico.

 

Il risarcimento vittime della strada

Il risarcimento vittime della strada viene disposto per risarcire i danni causati:

  • alla persona: se causati da veicoli o imbarcazioni senza possibilità di identificazione oppure generati da veicoli o imbarcazioni con possibilità di identificazioni, ma senza copertura assicurativa
  • alle cose: se si verifica quanto detto sopra, sono coperti anche i danni alle cose, ma con una franchigia oppure integralmente a seconda dei casi
  • da veicoli rubati: nel caso in cui i veicoli in circolazione siano rubati e generino danni a persone o cose
  • da veicoli con targa falsa: se la targa del mezzo non è più corrispondente al mezzo stesso

In sintesi, la possibilità di richiesta di questo risarcimento vale per tutti gli automobilisti che siano stati coinvolti in un incidente con veicoli:

  • non identificati
  • mezzi privi di assicurazione
  • veicoli rubati o con targa contraffatta o dismessa
  • mezzi di trasporto assicurati, ma con la compagnia assicurativa in liquidazione

Invece non è previsto nel caso in cui:

  • il veicolo responsabile del danno non è obbligato per legge ad avere un’assicurazione
  • il danno è causato da animali

 

Quanto può risarcire il Fondo vittime strada

Il Fondo Vittime della Strada è obbligato a risarcire i danni di propria competenza solo fino al limite del massimale minimo di legge

La liquidazione del risarcimento vittime della strada avviene, come già detto, dal fondo di garanzia soltanto nei casi contemplati dalla legge e fa riferimento a dei valori massimali che la stessa normativa prevede, prendendo come riferimento temporale il momento dell’avvenuto sinistro.

I massimali previsti sono di:

  • 6.070.000 euro per i danni alle persone
  • 1.220.000 euro per danni alle cose

La legge affida alle compagnie di assicurazione la gestione intera della pratica e la sua liquidazione, designandole per competenza regionale ogni tre anni.

Il fondo di garanzia viene rimpinguato da prelievi sui premi assicurativi che vengono pagati annualmente dai cittadini alle compagnie assicurative, nella percentuale del 2,5%.

Se ci sono più persone coinvolte in un incidente, il massimale è da intendersi per sinistro, non per ogni singola persona.

 

La rivalsa sul risarcimento

Una volta liquidato il risarcimento, la Compagnia designata dal Fondo Vittime della Strada può esercitare azione di rivalsa qualora riesca a identificare il responsabile del sinistro, chiedendo la restituzione della somma pagata al danneggiato a titolo di risarcimento.

 

Come richiedere il risarcimento vittime della strada

Come fare a richiedere il risarcimento dal fondo vittime della strada?

È necessario inoltrare domanda a quella che viene definita “impresa designata”, cioé l’istituto assicurativo stabilito per competenza territoriale.

Il modulo di domanda è presente sul sito di Consap. Per inoltrare la richiesta si hanno a disposizione due anni nel caso di lesioni a persone o cose.

Oltre tale periodo il diritto di risarcimento vittime della strada cade in prescrizione.

Solo in caso di morte del soggetto coinvolto, gli eredi hanno dieci anni di tempo per poter presentare la domanda di risarcimento.