Un ritardo nella portabilità Tim – Telecom è purtroppo un fatto frequente.

Il ritardo dipende spesso da banali disguidi amministrativi, ma in ogni caso provoca all’utente disagi di natura personale o danni economici, nel caso in cui l’utenza da trasferire si riferisca ad un contratto business.

Quotidianamente, noi di Unione dei Consumatori raccogliamo lamentele dai nostri utenti e puntualmente suggeriamo cosa fare per accelerare la procedura di portabilità ed ottenere un indennizzo per il ritardo subito.

Pertanto, richiedici una valutazione del tuo caso e potremo:

  • indicarti come risolvere il tuo problema in breve tempo
  • avviare procedure d’urgenza per risolverlo in breve
  • farti ottenere un indennizzo economico per il disagio subito

Scopri cosa dicono di noi gli utenti che abbiamo già assistito:

 

📝 CONTATTACI SUBITO!

 

In questo articolo spieghiamo come gestire un problema di ritardo nella portabilità.

 

 

La tutela del consumatore

Le tempistiche per la portabilità del numero sono stabilite dalla Carta dei Servizi Tim – Telecom e dall’Agcom (Autorità per le garanzie nelle comunicazioni).

Quest’ultima vigila non solo sulla chiarezza e trasparenza della comunicazione degli Operatori verso l’utente, ma detta anche le tempistiche entro le quali va effettuata la migrazione del numero telefonico.

Inoltre secondo l’Agcom, il cliente, per ottenere un indennizzo a seguito di ritardo, deve poter rivolgersi all’Operatore ricevente (recipient) con procedure semplici e non onerose.

Già la delibera n. 78-08-CIR sulle “Norme riguardanti la portabilità del numero mobile” aveva ridotto i tempi di realizzazione della portabilità mobile da 5 a 3 giorni lavorativi, introducendo – nel caso di ritardo portabilità Tim – Telecom – un sistema di:

  • penali con lo scopo di velocizzare i tempi a tutela del consumatore
  • scambio di informazioni tra gli operatori al fine di gestire efficacemente eventuali errori e/o malfunzionamenti dei sistemi e ripristinare rapidamente il normale processo di portabilità.

In un’ottica di miglioramento della prestazione da parte del Gestore, successivamente è stato introdotto un nuovo regolamento, approvato con la delibera n. 147-11-CIR, ulteriormente modificato con la recente delibera n. 347-18-CONS.

Proprio per evitare il temuto ritardo nella portabilità Tim – Telecom, è previsto che l’effettivo passaggio del numero mobile da un operatore all’altro (cut-over) debba essere effettuato, non più al termine del primo giorno lavorativo, bensì nelle prime ore del mattino seguente.

In pratica, all’inizio del secondo giorno lavorativo in modo che i tecnici possano porre rimedio tempestivamente a eventuali malfunzionamenti del processo che potrebbero causare disagi alla clientela.

 

Come ottenere un indennizzo per ritardo portabilità Tim – Telecom

Il consumatore che ha subìto ritardo portabilità Tim – Telecom può ottenere un indennizzo, se il questo è superiore a 2 giorni lavorativi per le utenze mobili e a  30 giorni per le utenze fisse.

L’indennizzo non è dovuto per ritardi inferiori ai giorni sopra indicati, ma in caso di ritardi superiori, il computo tiene conto di tutti i giorni di ritardo, inclusi quelli previsti (due o trenta).

Quanto alle modalità di richiesta dell’indennizzo, anche in caso di problemi portabilità Tim – Telecom, esse dovranno essere semplici e non onerose per il consumatore.

L’indennizzo stabilito dall’operatore non può essere comunque inferiore a 2,5 € per ogni giorno di ritardo (7,5 € per tre giorni lavorativi di ritardo, 10 € per quattro giorni lavorativi di ritardo e così via).

La richiesta di indennizzo deve essere inoltrate tramite chiamata o inviata tramite fax al call center, o ancora via e-mail, via web, o via PEC e comunque dovranno essere escluse categoricamente chiamate a numeri per servizi a sovrapprezzo.

In ogni caso, è sempre opportuno far seguire alla chiamata al servizio clienti, l’inoltro di un reclamo scritto all’Operatore, in cui descrivere dettagliatamente tutti gli elementi in possesso relativi al ritardo in atto.

Questa modalità, per la nostra grande esperienza,  è senz’altro quella più efficace perché permette di:

  • ricostruire i fatti in maniera ordinata e precisa
  • raggruppare anche le segnalazioni già fatte al Gestore
  • dare prova certa dell’invio e ricezione del reclamo a Tim
  • avviare una richiesta ufficiale di risarcimento economico

 

La mancata risposta ala reclamo

RICORDA
Inviato il reclamo, Carta dei Servizi alla mano, il Gestore dovrà risponderti entro 45 giorni con la stessa modalità che hai utilizzato tu (quindi per iscritto). Se dovesse farlo oltre tale termine o rispondendo con una modalità diversa da quella scritta o genericamente con frasi stereotipate o risposte evasive, dovrà riconoscerti un indennizzo economico per la mancata risposta al reclamo. Tale l’indennizzo – previsto dalla delibera 347/18 Cons., nella misura di € 2,50 al giorno e fino a un massimo di €. 300,00 – sarà calcolato in proporzione ai giorni di ritardo (oltre i 45 previsti).

 

Ritardo portabilità Tim – Telecom: fai sentire la tua voce

Se hai subìto un ritardo portabilità Tim – Telecom o una portabilità rifiutata e non riesci a venirne a capo in modo autonomo, puoi rivolgerti a noi di Unione dei Consumatori.

Contattaci e risolveremo il tuo problema di portabilità, facendoti ottenere un indennizzo per il ritardo nel passaggio di gestore telefonico.

Nello specifico, valuteremo il tuo caso:

  • ti daremo tutte le informazioni di cui necessiti
  • ti aiuteremo a redigere correttamente un reclamo efficace, che contenga le informazioni veramente importanti
  • potrai avvalerti del nostro servizio gratuto di invio del reclamotramite fax e pec
  • nei casi di sospensione del servizio, ci attiveremo per il suo ripristino urgente

Ed inoltre, se Tim non dovesse risolvere il problema in tempi rapidi o non ti corrisponda l’indennizzo automatico previsto dalla Carta dei Servizi, potremo continuare ad aiutarti.

In questa evenienza:

  • ci occuperemo interamente della controversia relativa al tuo caso (dalla redazione delle memorie, al deposito dell’istanza e alla sua trattazione presso i Co.Re.Com. – compresi i probabili rinvii – sul conciliaweb) sgravandoti da ogni pensiero
  • ti faremo ottenere l’indennizzo economico che ti è dovuto per i disagi subìti

Quindi, sia nel caso di ritardo che di una portabilità non andata a buon fine, reclama seguendo queste semplici istruzioni:

  • scarica il modulo indennizzo ritardo portabilità Tim:

📥 RECLAMO TIM
per Business e Privati

  • compilalo invialo al gestore secondo le modalità indicate all’interno
  • descrivi dettagliatamente il tuoi problemi portabilità Tim – Telecom
  • inviane copia a telecomunicazioni@unionedeiconsumatori.it

I nostri avvocati analizzeranno le informazioni relative al ritardo nella portabilità Tim – Telecom che ti riguarda e sari ricontattato in breve tempo per comunicarti il da farsi.

 

Richiedici assistenza

e saremo al tuo fianco!

📝 CONTATTACI SUBITO