Introduzione

La portabilità Tim non altro che la possibilità di cambiare operatore mantenendo il proprio numero telefonico.

Capita però che i tempi portabilità Tim si allunghino a dismisura, comportando un ritardo, un rifiuto o addirittura la perdita del numero storico.

Se anche tu stai subendo uno di questi problemi, Unione dei Consumatori ti aiuterà!

Ti consiglieremo il da farsi sul ritardo portabilità Tim, risolveremo il tuo problema e ti faremo ottenere un indennizzo economico per il disagio subìto.

CONTATTACI SUBITO

INDICE

La portabilità Tim

La procedura di portabilità Tim avviene tra i due soggetti principali, ossia il nuovo Gestore e quello precedente.

Se si desidera cambiare Operatore telefonico, si dovrà contattare la Compagnia con la quale si vuole effettuare il nuovo contratto.

Dopodichè sarà opportuno compilare i moduli necessari per attivare il passaggio e fornire i dati richiesti.

Sarà il nuovo Operatore telefonico a comunicare al vecchio l’avvenuto passaggio. Quest’ultimo sancirà la portabilità Tim.

Tutto questa in teoria, nella pratica, non tutto è poi così scontato!

 

I tempi portabilità Tim Telecom

I tempi portabilità Tim e le modalità di attivazione, sono i due più importanti elementi che caratterizzano il processo di migrazione del numero da un Operatore ad un altro.

Ecco perché, se non trovano corretta esecuzione, tutto il processo di trasferimento del numero telefonico ne subisce conseguenze negative.

tempi passaggio a Tim si misurano a partire dal momento in cui viene comunicato alla Compagnia che si desidera cambiare Gestore.

Nello specifico, la portabilità mobile deve avvenire in 1 giorno lavorativo e per il trasferimento del numero di linea fissa (c.d. trasloco Telecom), i tempi previsti sono di 30 giorni.

Questo, sia che si voglia migrare da Tim ad altro Operatore o che si desideri farlo da altro Operatore a Tim.

Al di là di quanto previsto, spesso, però, si va ben oltre i tempi portabilità Tim previsti e quindi non è affatto improbabile l’evenienza di rimanere senza linea o, peggio, che nella migrazione dal vecchio Operatore al nuovo, il numero venga “perso“.

Nei casi di disservizio, e quindi di ritardo portabilità Tim, potresti ritrovarti a pagare ugualmente un importo mensile per pochi giorni e, al tempo stesso, non riuscire a telefonare con il tuo nuovo Operatore.

Infine, non esiste alcun modo per controllare lo stato portabilità Tim per i numeri mobile, ma è possibile fare una verifica portabilità Tim sui numeri fissi qui.

Ad ogni modo, l’Operatore invierà un sms o una mail che indica la tempistica media entro cui dovrà essere effettuata la portabilità del numero.

 

Il numero provvisorio

Se a seguito di una portabilità Tim rifiutata sei rimasto con il numero provvisorio, il rischio che potrai correre è quello di perdere definitivamente il tuo numero storico.

Contattaci subito e ci attiveremo per recuperarlo e farti ottenere il risarcimento che ti spetta!

 

Segnalaci il problema!

 

Come ottenere un indennizzo per ritardo portabilità Tim Telecom

Il consumatore che ha subìto ritardo portabilità Tim Telecom può ottenere un indennizzo, se il questo è superiore a 2 giorni lavorativi per le utenze mobili e a 30 giorni per le utenze fisse.

L’indennizzo non è dovuto per ritardi inferiori ai giorni sopra indicati, ma in caso di ritardi superiori, il computo tiene conto di tutti i giorni di ritardo, inclusi quelli previsti (due o trenta).

Quanto alle modalità di richiesta dell’indennizzo, anche in caso di problemi portabilità Tim Telecom, esse dovranno essere semplici e non onerose per il consumatore.

L’indennizzo stabilito dall’operatore per un ritardo portabilità Tim, non può essere comunque inferiore a 2,50 € per ogni giorno di ritardo per i mobile e 7,80 € per i fissi.

 

Come reclamare

In caso di ritardo o problemi legati alla migrazione o portabilità Tim sarà opportuno rivolgersi al Servizio clienti.

Una prima segnalazione può essere fatta chiamando il call center, scrivendo nell’area clienti del sito ufficiale, sull’App mobile o sulle pagine social del Gestore.

Noi di Unione dei Consumatori ti consigliamo però, di inviare un reclamo in forma scritta tramite:

  • PEC all’indirizzo telecomitalia@pec.telecomitalia.it
  • FAX ai numeri 800 000 187 (privati linea fissa) – 800 600 119 (privati linea mobile) – 800 000 191 (clienti business)
  • Raccomandata A/R indirizzata all’Ufficio reclami Tim, presso:
    • Telecom Italia S.p.A – Servizio Assistenza Clienti – Casella Postale 111 – 00054 Fiumicino (RM) – per i clienti di utenze fisse
    • Tim Servizio Clienti – Casella Postale 555 – 00054 Fiumicino (RM) – per i privati della linea mobile
    • Telecom Italia S.p.A – Servizio Clienti Business – Casella Postale 456 – 00054 Fiumicino (RM)  – per tutti i business

Questa modalità ti permetterà di descrivere dettagliatamente problemi portabilità Tim e dare prova certa di invio e ricezione.

 

Ricorda

Inviato il reclamo, il Gestore dovrà risponderti entro 45 giorni con la stessa modalità che hai utilizzato (quindi per iscritto). Se dovesse farlo oltre tale termine o rispondendo con una modalità diversa da quella scritta o genericamente con frasi stereotipate o risposte evasive, dovrà riconoscerti un indennizzo economico per la mancata risposta al reclamo di € 2,50 al giorno e fino a un massimo di € 300,00