Vuoi bloccare i servizi a pagamento Tim perché non li hai mai richiesti?

Ecco come disattivare i servizi a pagamento Tim per far sì che non riaccada ancora!

E se la compagnia non vuole rimborsarti quanto ti ha ingiustamente sottratto…

Noi dell’Unione dei Consumatori possiamo fartelo ottenere gratuitamente e immediatamente!

CONTATTACI SUBITO

INDICE

Cosa sono i servizi a contenuto Tim

Capita spesso che gli utenti si accorgano che, per motivi non chiari, siano stati addebitati costi non previsti in bolletta. Oppure che il credito telefonico residuo sia stato prosciugato.

Questo avviene solitamente perché risultano attivi servizi mai richiesti dal cliente, chiamati in modi diversi:

  • Vas
  • servizi a valore aggiunto
  • premium
  • in abbonamento.

Nella pratica, si tratta di servizi gratuiti al momento dell’attivazione dell’utenza che poi Tim tramuta in servizi a pagamento.

Oppure di abbonamenti attivati automaticamente per errore dallo stesso utente, durante la navigazione su internet. E che consistono in sms o mms con informazioni, consigli e altri contenuti.

In questi casi si può richiedere:

  • di disattivare i servizi a pagamento Tim mai richiesti
  • il blocco dei servizi a pagamento Tim
  • il rimborso degli addebiti non dovuti, con lettera di reclamo

 

Ricorda

I servizi a pagamento, solitamente, si attivano in modo ingannevole.

Non essendoci nessuna esplicita accettazione e non trattandosi spesso di costi esosi, il cliente può accorgersene anche dopo diverso tempo.

 

Come chiedere il blocco servizi a pagamento Tim

La via più facile per disattivare i servizi a pagamento Tim è quella di contattare il gestore al numero 119. Ma come bloccare i servizi a pagamento Tim ed evitare così spiacevoli sorprese future?

Innanzitutto, bisogna chiedere all’operatore di disattivare i servizi Tim indesiderati attivi sulla sim, spiegando di non averli mai richiesto.

Successivamente è possibile richiedere il blocco di tutti i servizi che potrebbero in futuro essere attivati, chiedendo il barring sms Tim.

Si tratta di un servizio gratuito che il gestore offre per bloccare i Vas in maniera definitiva e permanente.

In questo modo, potrai navigare in modo spensierato senza avere più il timore di finire in trappola e di trovare il tuo credito azzerato.

Puoi richiedere il blocco servizi a pagamento Tim fornendo:

  • numero di telefono
  • codice fiscale dell’intestatario dell’utenza telefonica
  • consenso all’attivazione del barring totale o parziale.

Ma, basta davvero questo per uscire dall’incubo? Cos’altro può pretendere chi finisce in questa “trappola”?