Desideri attivare il blocco servizi a pagamento Tim perché, in effetti, non li hai mai richiesti?

Questi servizi vengono chiamati in modi diversi:

  • Vas;
  • servizi a valore aggiunto;
  • premium;
  • in abbonamento.

Nella pratica, si tratta semplicemente di servizi a pagamento attivati sul proprio numero telefonico.

Tramite sms o mms, ad un costo settimana ben preciso, il cliente riceve – così – delle informazioni sulla squadra del cuore, l’oroscopo, consigli di bellezza o altro ancora.

Nella maggior parte dei casi però non è l’utente a richiederli.

Vediamo, dunque, come attivare il blocco servizi a pagamento Tim ed evitare che in futuro si ripetano questi problemi.

 

 

Cosa sapere sul blocco servizi a pagamento Tim

I servizi a pagamento, spesso, vengono attivati in maniera ingannevole o poco chiara e l’utente non si rende nemmeno conto di come abbia potuto accettare tale attivazione.

E difatti, in realtà, non c’è nessuna accettazione o richiesta di attivazione: basta sfiorare un banner pubblicitario quando si naviga su Internet dal proprio smartphone ed il gioco è fatto.

Sms e mms arrivano sul cellulare ed il credito telefonico si prosciuga.

Siamo davanti a tecniche piuttosto truffaldine che vengono usate per attivare questi servizi che, nella maggior parte dei casi, non interessano al cliente, nonostante vengano proposti come servizi “esclusivi”.

Ma niente paura. Uscire da questa “morsa” fraudolenta non è affatto difficile.

Per mettersi al riparo da questi tentacoli del web, anche per il futuro, non basta solo disattivare il servizio ma attivare il blocco servizi a pagamento Tim. In questo modo non correrai più il rischio che attivazioni così sospette ti minaccino.

Ecco come fare.

 

Come bloccare servizi a pagamento Tim

La via più facile per disattivare i servizi a pagamento Tim è quella di contattare il Gestore al numero 119. Ma, realmente, come bloccare i servizi a pagamento Tim?

Innanzitutto, bisogna chiedere all’operatore di disattivare il servizio premium attivo sulla sim, spiegando che si tratta di servizi indesiderati che non hai mai richiesto di attivare.

L’operatore dovrebbe, quindi, procedere con la disattivazione dei suddetti servizi. Successivamente, potrai anche richiedere il blocco di tutti i servizi che potrebbero in futuro essere attivati, chiedendo il barring sms Tim.

Si tratta di un servizio gratuito che il Gestore offre per bloccare i Vas in maniera definitiva e permanente.

In questo modo, potrai navigare in modo spensierato senza avere più il timore di trovare il credito azzerato.

Puoi richiedere il blocco servizi a pagamento Tim fornendo:

  • numero di telefono;
  • codice fiscale intestatario;
  • consenso all’attivazione del barring totale o parziale.

Ma, basta davvero questo per uscire dall’incubo?

 

Apri un reclamo ed ottieni un indennizzo

Oltre ad attivare il blocco servizi a pagamento Tim, quasi certamente, vorrai richiedere al Gestore il rimborso di quanto ti è stato indebitamente sottratto.

Ma non è finita qui.

Difatti, se il Gestore non dovesse rispondere al tuo reclamo entro 45 giorni – oltre al rimborso – la legge prevede che ti venga riconosciuto anche un indennizzo economico.

Per ottenere l’indennizzo, è necessario aprire un reclamo nei confronti del Gestore, nel quale segnalare la problematica in corso.

Ti ricordiamo che l’avvio di un reclamo è sempre obbligatorio al fine di veder riconosciuti i propri diritti e di ricevere, nei casi previsti, l’indennizzo economico previsto per legge.

Questo, può anche essere fatto mediante:

  • l’apertura di un ticket di segnalazione sul portale del Gestore;
  • la segnalazione telefonica, ricordando di appuntare il nome dell’operatore che l’ha preso in carica;
  • l’invio di un sms al Gestore;
  • lo screenshot della segnalazione nell’area utenti o su Facebook.

Ti consigliamo, comunque, di inoltrare un reclamo scritto poichè in questo modo, avrai la documentazione utile per giustificare una più efficiente e adeguata richiesta di pagamento dell’indennizzo, soprattutto in fase di controversia.

 

Tim blocco servizi a pagamento: affidati a noi!

Se vuoi saperne di più sul blocco servizi a pagamento Tim e ottenere quanto ti spetta di diritto, contattaci e richiedi il nostro supporto.

Segui queste semplici istruzioni:

  • Scarica il modulo di reclamo; ◄
  • Compilalo apponendo data e firma;
  • Invialo al Gestore secondo una delle modalità indicate all’interno del modulo;
  • Scansionalo e inviaci una copia – con ricevuta di avvenuto invio – su telecomunicazioni@unionedeiconsumatori.it.
  • Inoltraci tutti i dettagli relativi al blocco servizi a pagamento Tim e gli eventuali danni che ti ha procurato.

Per ricevere ulteriori informazioni, contattaci inviando un messaggio attraverso il nostro form di contatto o al numero 370 1220734 (solo messaggi WhatsApp).

Verrai ricontattato in breve tempo da un nostro consulente che ti dirà cosa è possibile fare.

Se sei un nostro associato, contattaci allo 091 6190601.