Introduzione

Devi fare una contestazione fattura Vodafone perchè hai ricevuto bollette non dovute, errate o con un costo esagerato?

Hai subito hai subito un errore di fatturazione, un addebito per recesso anticipato o una doppia fatturazione per una portabilità mai andata a buon fine?

Se il tuo problema rientra tra quelli sopra elencati, Unione dei Consumatori ti può aiutare!

Ti indicheremo come contestare correttamente tramite un reclamo fatture Vodafone e risolveremo il tuo problema.

Inoltre non pagherai quanto illegittimamente richiesto e otterrai il rimborso della somma che non andava pagata.

INDICE

Le voci da contestare nella fattura Vodafone

Prima di fare una contestazione fattura Vodafone, business o privata, è importante capire se la somma che ci viene indebitamente richiesta è riferita a:

1. Fatturazione errata

Avviene quando ad esempio la bolletta riporta una cifra maggiore o diversa rispetto quella pattuita contrattualmente.

In questo caso dovrai confrontare l’importo da contestare con quello previsto dal piano tariffario sottoscritto.

Controlla quindi il periodo di riferimento e confronta la bolletta con quelle precedenti per verificare le divergenze di importi su costi fissi, canoni o addebiti vari.

2. Addebito non dovuto

Questo dipende da voci di costo sconosciute come probabili servizi a pagamento attivati arbitrariamente o la richiesta di pagamento di una fattura Vodafone dopo anni per una sim già disattivata.

3. Consumi extra-soglia

Se i costi si riferiscono a consumi extra-soglia, tali addebiti non sono automaticamente illegittimi, a condizione che Vodafone ti abbia informato sui seguenti punti:

  • stavi esaurendo il tuo pacchetto (questa comunicazione in genere avviene con l’invio di un sms)
  • dal momento della scadenza, il consumo sarebbe stato a pagamento
  • detto servizio (a pagamento) ti sarebbe costato “un tot”

In altre parole, se il Gestore non ti ha dato queste informazioni, ha compiuto una pratica illegittima e quindi puoi avviare la tua contestazione fattura Vodafone.

4. Recesso anticipato e penali

Nel caso di una contestazione fattura Vodafone per recesso anticipato, può capitare che ti vengano addebitate delle penali o dei costi di recesso anticipato nell’ultima fattura.

Ricordiamo però che questa è illegittima nei seguenti casi:

  1. quando il recesso è avvenuto, oltre la tempistica prevista dal vincolo contrattuale
  2. nei casi di grave disservizio in atto (è necessario reclamare per avvisare)
  3. in presenza di mutazione unilaterale delle condizioni contrattuali (in genere entro 30 giorni dal ricevimento dell’avviso).

5. Sim chiusa da anni o linee disdette

Questo avviene quando vengono prelevati soldi dal tuo conto dopo aver disdetto linee, sim o contratto con Vodafone.

6. Nessun  contratto sottoscritto

Non hai mai sottoscritto un contratto internet con Vodafone, ma ricevi fattura. È molto probibile che ci sia in atto una truffa

 

contestazione Vodafone

Stanco di subire continui disservizi?

Cambiare operatore può essere la soluzione, a condizione che il nuovo contratto sia chiaro e trasparente.
Ecco perché, valutandone le condizioni e le clausole nascoste, possiamo aiutarti!
Richiedici una consulenza gratuita e ti metterai al riparo da amare sorprese

Scopri di più

 

Analisi della bolletta

La fattura relativa alla bolletta telefonica solitamente riporta diverse causali:

  • costi fissi
  • costi variabili relativi al traffico telefonico o dati
  • servizi
  • manutenzioni effettuate
  • altre voci

Sempre più spesso, però, capita di ritrovare all’interno della stessa spese varie non meglio specificate.

Poiché le somme da contestare o gli eventuali errori, di solito, si celano all’interno di queste casistiche, prima di procedere al contestare fattura Vodafone verifica con attenzione:

  • il piano tariffario e il periodo di riferimento temporale della fattura
  • che non ci siano conguagli, riporti di bollette / fatture precedenti, che il periodo temporale sia quello e che non ci sia stato nel mentre qualche pagamento che ti è sfuggito ed è stato imputato alla fattura che vuoi contestare
  • se vi siano divergenze di importi (costi fissi, canoni, addebiti vari)

Se qualcosa non ti è chiaro, prima di inoltrare una contestazione bolletta Vodafone prova a contattare il servizio clienti di Vodafone, che spesso si riesce a risolvere direttamente senza bisogno di inviare un reclamo.

 

disservizio Wind

Nota bene…

Se hai ricevuto una fattura Vodafone sbagliata, non aspettare a contestarla perchè l’errore potrebbe ripetersi nei mesi successivi e costarti caro.

Richiedi una nostra consulenza: analizzeremo la tua bolletta, individueremo le voci errate e ti indichermo come contestare una fattura Vodafone al Gestore.

 

Segnalaci il tuo problema

 

Come fare una contestazione fattura Vodafone

Per far valere i tuoi diritti è obbligatorio reclamare.

Solo così Vodafone prenderà in carico il tuo caso e, fatte le debite verifiche, potrà dare seguito alle tue richieste.

– Contestazione telefonica

Per contestare una fattura a Vodafone, ti sconsigliamo di contattare l’assistenza clienti, in quanto una telefonata può non bastare a specificare il problema e ottenerne la sua risoluzione.

A volte, infatti, anche una semplice richiesta di rettifica di una fattura Vodafone può diventare complicata.

A ogni modo, ti forniamo i numeri per chiamare il call center: 190 (clienti privati), 193 (clienti Vodafone Exclusive) e 42323 (clienti Vodafone business).

Tieni a portata di mano le bollette perché potrebbero venirti richiesti dei dati importanti (es. codice cliente o numero di contratto) che dovrai fornire su richiesta dell’operatore.

Ricordati sempre di segnare il codice operatore e la data e l’orario della chiamata.

– Contestare on line e su WhatsApp

Puoi fare una contestazione Vodafone tramite un messaggio su whatsapp al n. 349 91 90 190, all’interno dell’area utenti del sito Vodafone o sulle pagine social ufficiali Facebook o Twitter (@VodafoneIT).

Ricordati sempre di conservare gli screenshot delle conversazioni, in quanto potranno esserti utili in caso di contenzioso.

– Contestare una fattura Vodafone per iscritto

Contestare una fattura Vodafone attraverso la forma scritta è il modo più sicuro e affidabile perchè permette di:

  • ricostruire i fatti avvenuti, riunificando in un unico documento anche altri eventuali reclami (o segnalazioni) fatte nel tempo
  • provare con certezza invio e ricezione ufficiale della lamentela
  • avviare la richiesta di rimborso (o storno) delle fatture Vodafone non dovute, unitamente alla richiesta di indennizzo economico per i disagi subiti

La tua lettera di contestazione fattura Vodafone potrà essere inviata secondo una delle seguenti modalità:

  • Pec all’indirizzo vodafoneomnitel@pocert.vofafone.it
  • Raccomandata A/R a Vodafone Italia SpA – ufficio reclami, casella postale 190 – 10015 – Ivrea (To)
  • Fax al numero 800 034 626

Allega al reclamo anche la contabile di pagamento seppur parziale della fattura, e copia della fattura contestata, così da fornire ogni riferimento utile per la tua identificazione, e per ricondurre Vodafone alla tua utenza senza errori.

Utilizza quindi il nostro modulo di reclamo fatture Vodafone precompilato che puoi trovare nei documenti e allegati in fondo alla pagina.

 

Ricorda

Inviata la contestazione bolletta Vodafone, Carta dei Servizi alla mano, il Gestore dovrà risponderti entro 45 giorni  per iscritto. Se dovesse farlo oltre tale termine o rispondere con frasi stereotipate o risposte evasive, dovrà riconoscerti un indennizzo economico  di € 2,50 al giorno e fino a un massimo di €. 300,00

 

Il pagamento parziale della fattura

In presenza di un addebito Vodafone non dovuto o di una bolletta eccessiva, dopo aver reclamato, ti consigliamo di saldare parzialmente le fatture Vodafone non pagate, nella misura ritenuta corretta.

Dopodiche dovrai comunicare l’avvenuto pagamento a Vodafone, che ti metterà al riparo da un’eventuale sospensione amministrativa del servizio per morosità.

Unitamente alla contestazione fattura Vodafone per iscritto, ricordati pure di bloccare il pagamento in banca per evitare che l’importo venga pagato interamente.

Ricordati però di fare questa procedura entro le 8 settimane successive all’addebito, altrimenti la banca non può fare più nulla.