Sei arrivato fin qui per colpa di un mutuo negato e ora desideri capire esattamente cosa fare e come comportarti da questo momento in poi?

Sappiamo bene quanto possa essere frustrante, dopo tanti sacrifici, vedersi negare la possibilità di proseguire con l’acquisto.

Innanzitutto, vogliamo subito rassicurarti ricordandoti che potrai comunque ottenere la concessione del mutuo da parte di un altro Istituto bancario. Infatti, anche se hai ricevuto un rifiuto, puoi ripetere nuovamente la procedura. Quindi, non tutto è perduto.

Purtroppo, capita spesso che la propria banca non conceda il mutuo al richiedente, ma cosa bisogna fare in questi casi e, soprattutto, perché questo accade?

Quale tipo di mutuo richiedere, quali requisiti bisogna possedere e a quale banca rivolgersi?

Le domande sono tante, ma non farai tutto da solo. Siamo qui per aiutarti a effettuare una procedura più efficace e per offrirti il supporto necessario affinché il tuo mutuo negato, ti venga finalmente concesso. Iniziamo subito.

 

 

Mutuo non concesso: perché succede?

Farsi concedere un mutuo è una vera e propria odissea, si sa. Adocchiare una casa, preparare i documenti per l’acquisto e stipulare un mutuo con la propria banca. Sembra semplice, vero?

In realtà, la procedura di concessione presenta non poche insidie e il richiedente si ritrova improvvisamente, e senza neppure rendersene conto, con un pugno di mosche in mano.

È una situazione piuttosto comune purtroppo. Non basta, infatti, presentare la documentazione necessaria per richiedere il mutuo e ricevere una stima del bene da acquistare da parte di un perito inviato dalla banca.

È necessario che i requisiti per ricevere la concessione del mutuo vengano rispettati e siano anche validi. La tua banca, infatti, dovrà considerarti affidabile, assicurarsi che il mutuo risponda perfettamente alle tue esigenze e, soprattutto, che la sua finanziabilità rientri nelle tue reali possibilità economiche.

Ovviamente, questo comporta che la procedura si trasformi in un lungo e faticoso iter in cui i tempi di valutazione si dilatano a dismisura e in cui il richiedente non sa esattamente come muoversi o quali mosse compiere per non vedersi il mutuo negato.

Per questo motivo, avere al fianco un esperto che conosca bene la materia, i fattori che determinano la concessione da parte degli Istituti di credito e  che possieda le competenze per farti ottenere il mutuo, diventa quasi un passo imprescindibile.

Ma quali sono i requisiti che, in quanto richiedente, devi accertarti di possedere ancor prima di procedere con la domanda?

 

Quali sono i requisiti per ottenere il mutuo

Quando il cliente presenta la domanda per la concessione del mutuo alla propria banca, dà inizio ad un’attività di verifica chiamata “istruttoria”.

Durante questo procedimento, la banca valuterà che il richiedente possieda i requisiti necessari per ottenere il mutuo, che sia nelle condizioni di restituire la somma concessa in un tempo concordato e che l’immobile non presenti ostacoli di varia natura.

Perché è necessario? Perché la banca non può concedere un mutuo se il richiedente non soddisfa alcuni requisiti e ha bisogno di avere delle garanzie per poterlo concedere.

In poche parole, per evitare un mutuo negato, il richiedente dovrà possedere i:

  • requisiti legali;
  • requisiti economici.

Nel primo caso, la banca effettuerà delle valutazioni sulle eventuali azioni passate che potrebbero aver compromesso la legittimità della concessione del mutuo. Il cliente, infatti, potrebbe essere stato etichettato come un “cattivo pagatore” per le sue insolvenze passate.

Basta poco, in realtà, per qualificarsi come tale. Ad esempio, la mancata accettazione dei titoli di credito e il mancato o ritardato pagamento di una rata di un prestito sono già motivi validi per vedersi un mutuo negato.

Nel secondo caso, invece, la causa di un mutuo non concesso è da ricercare nella condizione lavorativa poco stabile del richiedente. È sufficiente un lavoro precario che determini una condizione di instabilità economica, ovvero un flusso di entrate reddituali molto incostante, per convincere la banca a non concedere alcun mutuo.

Inoltre, l’Istituto bancario analizzerà anche le condizioni patrimoniali del richiedente, oltre all’importo richiesto per l’acquisto dell’immobile. Difatti, se quest’ultimo è troppo alto per quelle che sono le sue reali capacità reddituali, il mutuo gli verrà automaticamente negato.

 

Cos’altro sapere prima di fare domanda per il mutuo

Come già detto, prima di presentare la richiesta per la concessione del mutuo, è preferibile essere certi di possedere sia i requisiti legali che quelli economici, fondamentali perché la domanda da parte della banca venga accolta.

È bene ricordare che, per evitare di fare i conti con un mutuo negato, è necessario:

  • avere 18 anni;
  • essere cittadini italiani residenti in Italia oppure appartenenti a Paesi della Comunità Europea;
  • essere cittadini al di fuori della Comunità Europea, ma residenti in Italia;
  • che ci sia coerenza tra l’età del richiedente e la durata del mutuo (se il cliente è anziano, difficilmente la banca accetterà di sostenere il finanziamento di un mutuo di lunga durata).

La banca, inoltre, analizzerà le reali capacità di rimborso del mutuo per avvalorare la richiesta del cliente.

Pertanto, il richiedente deve dimostrare innanzitutto di poter sostenere il mutuo, tenendo conto soprattutto della rata mensile che non dovrà superare un terzo del proprio reddito mensile.

Inoltre, è preferibile assicurarsi che non venga richiesta una seconda valutazione per la concessione del finanziamento, perché verrà considerato il tasso di interesse al momento della successiva valutazione e prima della stipula.

In poche parole, se il tasso dovesse essere più alto ad una seconda valutazione, il finanziamento concordato potrebbe subire una riduzione e stravolgere, così, le certezze avute fino a quel momento.

Infine, per evitare di vedere il mutuo negato, consigliamo vivamente di valutare bene la tipologia di mutuo che si vuole richiedere e la casa che si desidera acquistare, così che si abbia la consapevolezza dell’importo delle rate mensili e del valore del finanziamento per cui fare domanda.

 

Se il mutuo non viene concesso: i motivi, gli obblighi della banca e i tuoi diritti

Dopo aver fatto di tutto per rendere possibile la concessione del mutuo e rispettato anche le tempistiche, hai ricevuto un “no” come risposta?

È difficile determinare il motivo per il quale l’erogazione del finanziamento non ha avuto un esito positivo. Infatti, in quanto richiedente, dovresti essere totalmente certo di soddisfare tutti i requisiti ancor prima di presentare la domanda, in modo da escludere qualsiasi possibilità di mutuo negato.

In questa ottica, può verificarsi una situazione a vantaggio del richiedente.

Può capitare, infatti, che la banca rifiuti il mutuo a seguito di una perizia dell’immobile per un motivo ostativo, tale cioè da rappresentare un impedimento e determinare, pertanto, l’annullabilità del procedimento.

Nel caso in cui la banca non avesse mai evidenziato questo aspetto prima della valutazione, ma soltanto al termine dell’istruttoria, sarà proprio questa ad esserne responsabile. Inoltre avrà anche l’obbligo di risarcire il danno al suo cliente, fermo restando che il danno, in un eventuale procedimento giudiziale, deve essere sempre provato.

Per legge, infatti, la banca è tenuta a informare l’utente sulle condizioni e sui requisiti già al momento della presentazione della domanda per la concessione del mutuo.

Non potrà, pertanto, avanzare alcuna giustificazione o porre degli ostacoli durante il procedimento, ma sarà tenuta a evidenziare ogni eventuale irregolarità ancor prima dell’avvio delle trattative.

Nel caso in cui il mutuo venisse rifiutato, è possibile anche presentare un reclamo nei confronti della propria banca e rivolgersi all’Arbitro bancario finanziario (Abf).

Pensi di aver tutte le carte in regola per ottenere il mutuo e desideri capire perchè non ti è stato concesso?

Vuoi essere guidato passo passo per essere certo che la tua banca ti conceda il mutuo che tanto hai atteso e desiderato?

 

Mutuo negato? Affidati a noi per richiederlo in modo efficace

I nostri consulenti hanno già aiutato tanti richiedenti che hanno fatto i conti con un mutuo non concesso – anche in conciliazione stragiudiziale – supportandoli in fase di valutazione e per tutto l’iter della domanda.

Entrando a far parte della nostra grande famiglia potrai finalmente far valere i tuoi diritti quotidianamente.

Per avere maggiori dettagli sul mutuo negato o o per ulteriori informazioni, invia un messaggio sul nostro form o al 370 1220734 (solo msg Whatsapp).

Un nostro consulente di ricontatterà in tempi brevi.

Se sei un nostro associato, chiamaci al numero 091 6190601.