La poca trasparenza da parte di Telecom, Vodafone e Wind sui servizi di reperibilità a pagamento ha portato, nei loro confronti, a sanzioni per pratiche commerciali scorrette.

Le sim vendute prima del 14 giugno 2014, presentano l’attivazione automatica, e spesso all’insaputa dell’utente, di servizi a pagamento come “Lo sai”, “Chiamami ora” e “Recall”.

Oltre tutto la Vodafone ha acquisito implicitamente, attraverso dei moduli, il consenso a sostenere i costi per i servizi di reperibilità, la cui disattivazione deve essere esplicitamente richiesta.

Il call center 190, ancora, oltre a non dare informazioni sulla disattivazione del servizio, ne incoraggia addirittura il mantenimento.

La Wind è stata multata per pratica commerciale aggressiva sia per l’attivazione del servizio a pagamento “Service card”, che per non aver permesso ai suoi utenti di dare il consenso espresso per il servizio di distribuzione degli elenchi telefonici, servizio che comporta un costo supplementare.

Se hai ricevuto addebiti ingiustificati rivolgiti ad UDICONSUM.