Quando nei bar o nei negozi la luce va e viene più di una volta, i gestori possono chiedere un risarcimento danni interruzione energia elettrica attività commerciale.

Vediamo, di seguito, in cosa consiste il contratto di fornitura elettrica, qual è la normativa di riferimento e com’è opportuno comportarsi per avere la certezza di ottenere un risarcimento danni interruzione energia elettrica.

 

Risarcimento danni interruzione energia elettrica attività commerciale: la normativa

Il contratto di fornitura di corrente elettrica è un tipico contratto di somministrazione e, come tale, regolato dall’art. 1559 e seguenti del Codice civile.

Si tratta di un contratto a prestazioni corrispettive e ad esecuzione continuata, caratterizzato dalla fornitura continuativa di energia elettrica.

Dalla stipula del contratto, quindi, l’utente si impegna a pagare periodicamente quanto dovuto per il servizio e il somministratore a fornire continuativamente il servizio stesso.

Ma cosa accede se l’utente che possiede un’attività commerciale riscontra continue interruzioni del servizio? È possibile chiedere un risarcimento danni interruzione energia elettrica?

Ebbene sì, in questi casi è d’obbligo muoversi per far valere i propri diritti. Infatti, in caso di interruzione del servizio, si configura un’ipotesi di inadempimento contrattuale ai sensi degli art. 1218 e 1453 del Codice civile, con conseguente diritto dell’utente al risarcimento dei danni.

Spesso, il Fornitore, non riconoscendo la propria responsabilità, imputa l’interruzione della somministrazione proprio a cause esterne, facendo finta di non sapere che le Società che forniscono tale servizio sono al 99.9% responsabili.

Questo perché dovrebbero porre in essere un’adeguata e costante manutenzione delle proprie strutture per garantire agli utenti una regolare fruizione della corrente elettrica.

 

Risarcimento danni interruzione energia elettrica attività commerciale: serve l’onere della prova

Ancor prima di avanzare una richiesta di risarcimento danni interruzione energia elettrica commerciale, se non vuoi fare un buco nell’acqua, valuta di poter dimostrare i seguenti aspetti:

  • durata dell’interruzione della somministrazione di energia elettrica e nesso di causalità tra la stessa e la chiusura del locale;
  • danno patrimoniale (scritture contabili, dichiarazioni dei redditi ed ogni altro elemento indiziario utile);
  • durata della chiusura dell’attività e pregiudizio non patrimoniale subìto.

Se ritieni di poter procedere e ottenere così un risarcimento danni interruzione energia elettrica commerciale, procedi redigendo un reclamo scritto al Fornitore da inviare con raccomandata A/R oppure a mezzo PEC.

Trattandosi di un argomento delicato e suscettibile di svariate interpretazioni, ti consigliamo di non percorrere strade fai-da-te e, piuttosto, di affidarti ad esperti del settore in grado di farti ottenere un riconoscimento del diritto che ti spetta per legge.

 

Risarcimento danni interruzione energia elettrica commerciale: come possiamo aiutarti

Hai un’attività commerciale e non riesci a ottenere il risarcimento danni interruzione energia elettrica? Rivolgiti a Unione dei Consumatori ed entra a far parte della nostra famiglia.

Sempre attiva sul territorio a difesa dei diritti dei consumatori, la nostra Associazione ti offrirà la necessaria assistenza ti darà una serie di consigli utili.

Invia un messaggio tramite il form e verrai ricontattato in breve tempo da un nostro consulente che ti dirà cosa puoi fare, oppure chiamaci ai numeri 091 6190601 e 370 1220734 (solo Whatsapp)