Vuoi saperne di più sui diritti del malato in ospedale e su come farli valere affinché vengano pienamente tutelati?

Bene, sei nel posto giusto. In questo articolo ti spiegheremo dettagliatamente quali sono i diritti di un paziente che sta sostenendo una visita o che è in ricovero presso un ospedale e, in particolar modo, in che misura possono ricevere tutela.

Vediamo, quindi, nel dettaglio cosa prevede la Carta dei diritti del malato, cos’è il modulo del consenso informato e, inoltre, come sporgere denuncia per malasanità e ottenere il rimborso previsto per legge.

 

Quali sono i diritti del malato in ospedale

Un buon giurista, quando si parla di diritti, parte sempre dal dettato costituzionale.

Non fanno differenza i diritti del malato in ospedale, che rientrano certamente fra quelli a cui si riferisce l’art. 32 della nostra Costituzione.

Esso stabilisce che “la Repubblica tutela la salute come fondamentale diritto dell’individuo e interesse della collettività, e garantisce cure gratuite agli indigenti. Nessuno può essere obbligato a un determinato trattamento sanitario se non per disposizione di legge. La legge non può in nessun caso violare i limiti imposti dal rispetto della persona umana”.

Ma non è l’unica norma da tenere in considerazione: ci sono, infatti, tutta una serie di leggi che disciplinano la materia.

Sinteticamente, sono due le più importanti a livello mondiale:

  • la Dichiarazione sulla promozione dei diritti dei malati in Europa;
  • la Carta europea dei diritti del malato.

Ecco cosa dicono nel dettaglio.

 

Diritti del malato in ospedale: la normativa

La prima legge internazionale che disciplina i diritti del malato in ospedale è datata 1994 e più precisamente il 30 marzo, quando venne pubblicata la Dichiarazione sulla promozione dei diritti dei malati in Europa.

Fu il frutto di un incontro tra i vertici europei, presieduto dall’OMS, e a cui l’Italia ha aderito.

La seconda, più recente, è la Carta europea dei diritti del malato: datata 2002, che venne promulgata grazie alla stretta collaborazione tra varie organizzazioni presenti in diversi Stati UE.

Essa va a sancire 14 diritti del paziente, che non possono mai essere toccati in alcun modo.

Tra questi, ricordiamo il diritto:

  • ad accedere ai servizi sanitari richiesti dallo stato di salute;
  • di ricevere corrette e dettagliate informazioni sullo stato di salute e su come poter utilizzare i servizi sanitari;
  • di essere messo a conoscenza di tutte le informazioni di carattere personale;
  • di ricevere trattamenti sanitari che presuppongano alti standard di sicurezza;
  • a ricevere un risarcimento adeguato e in tempi ragionevoli nel caso in cui si subisca un danno addebitabile ai servizi sanitari.

Se pensi di essere stato vittima di un caso di malasanità ti consigliamo di rivolgerti ad esperti del settore in grado di supportarti e offrirti un aiuto efficace e concreto. Valuteremo il tuo caso e ci muoveremo per far valere i tuoi diritti.

 

Diritti del malato in ospedale: rivolgiti a noi

Se ritieni che i diritti del malato in ospedale – che riguardano te o un tuo caro – siano stati lesi, rivolgiti a noi. Entrerai nella nostra grande famiglia e diventerai anche tu un paziente consapevole.

Per ricevere ulteriori informazioni,  invia un messaggio attraverso il nostro form di contatto o al numero Whatsapp 370 1220734.

Un nostro consulente ti ricontatterà in breve tempo e ti indicherà cosa è possibile fare.

Se sei un nostro associato, puoi chiamarci al numero 091 6190601.