Ritardo nella portabilità del numero: un disagio che si verifica sempre più spesso, anche a causa dei continui cambi di Operatore che effettuiamo per inseguire l’offerta migliore.

Se sei atterrato qui perchè anche tu sei incappato in questo problema sei nel posto giusto per trovare una soluzione!

L’Unione dei Consumatori è un’associazione specializzata in telefonia e Pay-tv, che con esperienza e professionalità segue e risolve centinaia di casi al giorno in questo settore.

Contattaci per un consiglio o per una valutazione del tuo caso!

Diamo dunque un’occhiata alle norme, alle cause più frequenti del fenomeno. Vedremo insieme di capire come passare da un operatore telefonico ad un altro senza problemi e nel caso di ritardo nella migrazione ad un altro gestore telefonico come:

  • poter risolvere velocemente il problema
  • ottenere il risarcimento economico previsto.

Il tutto senza costi vivi a tuo carico.

Buona lettura…

 

 

 

Ritardo nella portabilità del numero: i tempi previsti

Il termine previsto per effettuare la portabilità del numero fisso è stabilito in 30 giorni, mentre per le utenze mobili è fissato in 1 giorno lavorativo.

Nello specifico, l’effettivo passaggio del numero mobile da un operatore all’altro, deve essere effettuato non al termine del primo giorno, ma nelle prime ore del mattino seguente, quindi all’inizio della seconda giornata lavorativa.

Ciò serve agli addetti ai lavori per porre rimedio tempestivamente ad eventuali malfunzionamenti del processo, che potrebbero causare disagi alla clientela.

Entrambe le tempistiche sono da calcolare a partire dal momento della richiesta di migrazione linea telefonica.

Al di là delle differenze (utenza fissa o mobile) il consiglio è sempre quello di richiedere all’Operatore, verso cui si trasferisce il numero, la data precisa nella quale avverrà il passaggio.

L’indicazione dei tempi è, infatti, elemento utile ai fini della richiesta di risarcimento, sia nel caso di ritardo nella portabilità del numero telefonico che in quello di mancata portabilità numero fisso o mobile.

 

Passaggio altro Operatore telefonico: l‘importanza del reclamo

In presenza di un ritardo nella portabilità del numero o di una mancata migrazione del numero, possiamo certamente aiutarti ad ottenere un indennizzo economico o un risarcimento dei danni.

Ciò a condizione che il disservizio venga segnalato al Gestore!

Questa segnalazione può anche avvenire attraverso i canali indicati dallo stesso, ossia:

  • chiamando il call center
  • aprendo un area ticket nell’area utenti
  • scrivendo al Gestore nelle sue pagine social ufficiali.

Unione dei Consumatori però consiglia sempre di inviare un reclamo scritto all’Operatore che è cosi costretto a prendere in carico il tuo problema e a rispettare le tempistiche, certificate appunto dalla segnalazione scritta.

Per renderti la procedura più facile ti mettiamo a disposizione i nostri moduli di reclamo precompilati che puoi scaricare gratuitamente.

Compila il reclamo in modo preciso e chiaro e poi spediscilo all’Operatore tramite:

  • fax
  • Pec
  • Raccomandata A/R

Se il Gestore non dà alcuna notizia entro 45 giorni, dovrà corrisponderti un indennizzo anche per la mancata risposta al reclamo.

 

Ritardo nella portabilità del numero: i nostri diritti

Nonostante le banali scuse e i vergognosi “scarica barile” per il mancato rispetto dei tempi previsti, le Compagnie Telefoniche hanno i seguenti precisi doveri contrattuali nei confronti degli utenti:

  • attivarsi velocemente nella procedura di migrazione richiesta
  • evitare ogni possibile ritardo nel passare da un operatore telefonico ad un altro, per non arrecare disagi o danni al cliente
  • evitare di generare – oltre il manchevole ritardo – una mancata portabilità del numero

A compensazione dei ritardi nella migrazione verso altro operatore telefonico, il consumatore ha diritto a un indennizzo economico proporzionale ai giorni di ritardo, a partire dalla data prevista.

Questo indennizzo spetta nei casi di:

  • ritardo nella portabilità del numero
  • mancata migrazione ad altro gestore telefonico

 

Come ottenere un indennizzo per il ritardo nella portabilità del numero

Sei passato ad un altro operatore per inseguire un’offerta ma ti sei trovato con un pugno di mosche o a causa della mancata portabilità hai perso il tuo numero di telefono storico?

I tempi della migrazione si sono dilatati così tanto da causarti un danno economico?

Contatta Unione dei Consumatori, ti aiuteremo a risolvere velocemente la tua problematica:

  • senza stress
  • senza costi vivi a tuo carico, praticamente gratis. Chiedici di più.

Richiedi la nostra assistenza seguendo queste semplici istruzioni:

Verrai ricontattato in tempi brevi da un nostro consulente che ti dirà cosa fare per risolvere il problema della tua migrazione linea telefonica e ottenere un indennizzo per i disagi subìti a causa del ritardo nel passaggio di gestore telefonico.

Se desideri ricevere ulteriori informazioni, invia un messaggio:

Se sei già un nostro associato, chiamaci allo 091 6190601


 

Per saperne di più

 

  • Cambio di gestore telefonico e problemi ricorrenti

La mancata procedura nei tempi stabiliti per il passaggio, determina un ritardo nella portabilità del numero che causa allo sfortunato cliente disagi, se non danni economici.

Questo grave disservizio a volte degenera addirittura nella mancata portabilità del numero, dal quale – come se non bastasse – ne può conseguire anche la perdita del numero telefonico.

E’ fondamentale che tu sappia che – qualunque sia il tuo caso e indipendentemente dall’atteggiamento assunto dal tuo Gestore – il problema creato ricade sempre e interamente nella sfera di responsabilità di entrambi.

Vediamo subito come poter risolvere il problema della migrazione verso altro operatore telefonico e ottenere un indennizzo per i disagi subiti a causa del disservizio.

 

  • La normativa sulla portabilità del numero

Il problema di cui abbiamo parlato conduce, a livello giuridico, al risarcimento perché non sono stati rispettati i termini del contratto, come previsto dal ex articolo 1218 del Codice Civile.

Tale legge viene applicata quando viene negato il diritto di cambiare operatore mantenendo il numero.

In pratica, nelle clausole del contratto col cliente, è già previsto un indennizzo economico, a titolo di risarcimento per un ritardo nel cambio di gestore telefonico.

L’importo di tale indennizzo, riportato nella Carta dei Servizi di ogni Operatore, varia in base alla tipologia contrattuale: mobile – fisso – privati – business.

 

  • Ritardo nella portabilità del numero: indennizzo e risarcimento

Quanto detto sopra vale per l’indennizzo economico che viene corrisposto forfettariamente per il disagio subito, moltiplicato i giorni di disservizio.

Ciò, sia per un ritardo nella migrazione telefonia fissa che per il mancato cambio di gestore telefonia mobile.

In questo approfondimento vogliamo parlare del risarcimento per danni, il quale da un lato è più difficile da ottenere, ma dall’altro  ci ricompenserà adeguatamente di quanto subito.

Infatti, anche se il risarcimento danni va adeguatamente provato e segue la procedura giudiziale, l’utente sarà ricompensato per il danno economico subito con somme maggiori di quelle ottenibili in conciliazione.

Per meglio comprendere la differenza tra l’indennizzo e il risarcimento, si pensi al disagio di chi utilizza l’utenza per lavorare e non ha potuto utilizzare la linea telefonica e/o Internet, a causa del disservizio.

Ciò di cui abbiamo parlato fino a ora, te lo ricordiamo, vale per:

    • la migrazione ad altro gestore telefonico
    • mancata migrazione linea telefonica fissa e mobile