Uno sguardo al problema

Il ritardo portabilità numero è un problema che si può verificare quando si chiede di cambiare operatore senza cambiare numero di telefono (portabilità numero o MNP).

In caso di mancata portabilità si rischia addirittura la perdita del proprio numero telefonico.

Se stai subendo questo disservizio, noi dell’Unione dei Consumatori possiamo aiutarti a risolverlo velocemente e senza alcun costo!

RICHIEDI IL NOSTRO AIUTO

INDICE

 

Tempi previsti per la portabilità

Il ritardo portabilità, come il rifiuto portabilità numero del gestore ricevente, è un disservizio frequente.

I tempi portabilità differiscono per tipologia di linea. E si calcolano dal momento in cui viene fatta la richiesta di migrazione linea telefonica (detta anche MNP).

 

Portabilità numero mobile

La maggior parte degli operatori fa firmare ai clienti dei contratti che precisano che il passaggio della portabilità mobile avvenga entro 72 ore.

Proprio per questo noi dell’Unione dei Consumatori – se stai optando per il passaggio operatore telefonico – ti consigliamo sempre di chiedere al tuo nuovo gestore la data esatta in cui avverrà la migrazione.

 

Attenzione

L’Agcom, a differenza di quanto proposto da diversi operatori, ha fissato il termine della portabilità mobile a 1 giorno lavorativo. Specificando che questa debba avvenire entro le prime ore del mattino successivo per limitare i disagi al cliente.

 

Portabilità numero fisso

Per la portabilità numero fisso, invece, i tempi variano in funzione dell’operatore scelto.

L’Agcom, però, prevede il risarcimento per ritardo portabilità numero o l’indennizzo per mancata portabilità numero fisso qualora vengano superati i giorni pattuiti.

Ecco i tempi MNP dettati dalle varie compagnie per le linee fisse:

CompagniaTelefonoAdsl - Fibra
Tim Telecom10 giorni solari da 30 a 60 giorni solari
Vodafone 60 giorni solari 60 giorni solari
WindTre Infostrada90 giorni solari 90 giorni solari
Fastweb30 giorni solari 30 giorni solari
Linkem30 giorni solari 30 giorni solari
Tiscali90 giorni solari 90 giorni solari
Poste Mobile casa60 giorni solari 60 giorni solari
Eoloda 25 a 30 giorni da 25 a 30 giorni
Sky Wifi90 giorni solari90 giorni solari

 

Indennizzo per ritardo o mancata portabilità numero

L’indennizzo per ritardo portabilità è previsto dalla delibera Agcom n. 147/11/CIR, che ricalca l’ex articolo 1281 del codice civile relativo alle inadempienze contrattuali.

La normativa si applica sia alla portabilità da numeri fissi che mobili. Ma varia a seconda della tipologia del contratto e del cliente.

 

Come calcolarlo

Tim, Vodafone, Wind Tre, Fastweb, Ho, Iliad, Kena e altre compagnie, in caso di ritardo portabilità numero oltre i 2 giorni lavorativi, prevedono un indennizzo di 2,50 € per ogni giorno di ritardo (7,50 € per tre giorni lavorativi di ritardo, 10 € per quattro giorni lavorativi di ritardo e così via). Ma fino a un massimo di 50 €.

Il rimborso avviene solo ed esclusivamente in caso se ne faccia esplicita richiesta.

 

Tempi di accredito del rimborso ritardo portabilità

Secondo quanto previsto dalla normativa, per i clienti ricaricabili il rimborso può essere corrisposto direttamente sul credito residuo della SIM entro 30 giorni dalla ricezione della richiesta di indennizzo del cliente.

L’operatore sarà tenuto a informare dell’avvenuto accredito tramite SMS o e-mail.

Per i clienti con contratti in abbonamento, il rimborso ritardo portabilità può essere accreditato nella prima fattura utile e comunque dopo 30 giorni dall’avvenuta ricezione della richiesta di indennizzo dell’utente.

 

Risarcimento ritardo portabilità numero

Ci sono dei casi in cui il ritardo o la mancata portabilità numero, oltre che causare un disagio, comporta al consumatore un vero e proprio danno economico.

Questo accade soprattutto alle utenze che appartengono a esercizi commerciali o a liberi professionisti (contratti business) che, per il disservizio subìto, non possono utilizzare la linea telefonica e/o internet per il loro lavoro.

In queste specifiche situazioni, oltre all’indennizzo, si può richiedere un risarcimento per ritardo portabilità numero.

Occorre però provarlo. Quindi, quando si subisce la mancata migrazione verso altro operatore telefonico, è opportuno quantificare il danno economico e procedere subito alla richiesta di risarcimento.

Il risarcimento, così come l’indennizzo, è un diritto del consumatore sia in caso di problemi nella migrazione telefonia fissa, sia in caso di mancato cambio di gestore telefonia mobile.

 

Il numero provvisorio

Se, a seguito di portabilità rifiutata, sei rimasto con il numero provvisorio, corri il rischio di perdere definitivamente il tuo numero storico!

In questo caso, contattaci subito e ci attiveremo gratuitamente per recuperarlo e farti ottenere il risarcimento che ti spetta!

Segnalaci il problema!