Sottoscrivere un contratto di un’utenza domestica al telefono non è sufficiente a renderlo valido. Infatti, in base al Codice del Consumo ed a una più recente sentenza, è necessaria la conferma per iscritto dell’utente.  Per anni le Compagnie telefoniche, elettriche e del gas hanno concluso contratti con questa modalità, a discapito di consumatori ignari di ciò che effettivamente stessero accettando. Non di rado, hanno utilzzato tecniche subdole rivolte – molto spesso – ai danni di persone anziane.

Cos’è il vocal order

Tecnicamente il Vocal Order, o Verbal Order, consiste nell’acquisizione del consenso e pertanto dell’approvazione a voce e per telefono delle condizioni contrattuali da parte del consumatore. La telefonata viene registrata in modo tale da perfezionare il contratto.

La stipula di contratto con acquisizione del consenso per telefono, è valida solamente se successivamente alla telefonata, il consumatore riceve a casa un modello di contratto cartaceo, da firmare e rispedire al mittente.

Come infatti stabilisce il Codice del Consumo all’articolo 51 comma 6, “quando un contratto a distanza deve essere concluso per telefono, il professionista deve confermare l’offerta al consumatore, il quale è vincolato solo dopo aver firmato l’offerta o dopo averla accettata per iscritto”.

Tale articolo è stato applicato di recente in una sentenza del Giudice di Pace di Barletta (334/2014), in cui è stato riconosciuto il risarcimento a un consumatore che, a seguito della telefonata ricevuta da un call center, aveva attivato per telefono un contratto luce e non aveva successivamente ricevuto la copia cartacea dello stesso.

In questi casi, la Compagnia non può richiedere il pagamento all’utente, né può sospendere il servizio allo stesso. Il contratto cartaceo inviato all’utente, recante la sua firma e rispedito alla Compagnia fornitrice del Servizio, è una condizione essenziale ai fini della sua validità. A ciò si aggiunga che, in base all’articolo 1565 del Codice Civile, la sospensione del Servizio – a seguito del mancato pagamento della bolletta – è consentita solamente dopo la concessione di un congruo termine di preavviso.

Cosa fare se hai subito danno su un contratto vocal order

Se il contratto stipulato tramite Vocal Order non rispetta le condizioni di cui sopra e il danno per il consumatore è consistente, lo stesso può chiedere un risarcimento. In più, la mancata contestazione di morosità da parte della Compagnia notificata per tempo con lettera raccomanda A/R, causa la responsabilità extracontrattuale e, di conseguenza, dà luogo alla richiesta di risarcimento del danno non patrimoniale in via equitativa.

Se ritieni di aver subito un danno derivante dalla stipula di un contratto per via telefonica, chiama al numero 091 61 90 601 o invia un messaggio tramite il form di contatto: un nostro consulente valuterà il tuo caso e ti ricontatterà per determinare possibili azioni in merito.