Se sei alle prese con problemi di portabilità Iliad perché il cambio gestore non è stato portato a termine o le tempistiche del passaggio non sono state rispettate?

Hai provato invano a contattare il Gestore o nessuno si è occupato realmente del tuo caso?

Sei nel posto giusto perchè siamo un’Associazione di Consumatori specializzata nella risoluzione die problemi di Telefonia e Pay-Tv

Richiedi una valutazione gratuita del tuo caso e potrai:

  • risolvere il tuo problema di portabilità Iliad
  • farti ottenere un indennizzo economico per i disagi subiti.

 

SEGNALACI IL TUO PROBLEMA!

 

Cosa faremo per te

Unione dei consumatori si occupa della compilazione e invio del tuo reclamo, del ripristino del servizio nei casi di sospensione, del deposito dell’istanza di conciliazione e della sua trattazione presso i Co.Re.Com. su conciliaweb. Fornisce un servizio di invio fax e pec gratuito.

Associandoti ad Unione dei Consumatori, avrai un consulente che si occuperà interamente del tuo caso. Comprenderai il vantaggio dell’essere rappresentati piuttosto che agire da soli.

 

Se vuoi sapere quali sono le criticità nella fase di portabilità, continua a leggere l’articolo.

 

 

Tempistiche della portabilità Iliad

Le tempistiche della portabilità vanno calcolate a partire dal momento in cui è fatta la richiesta di migrazione della linea telefonica.

Dopo l’acquisto della sim Illad e la richiesta di portabilità al gestore, il termine previsto affinché avvenga la portabilità Iliad – cioè la nuova sim funzioni utilizzando il vecchio numero – è di 2 giorni lavorativi.

Iliad, come operatore ricevente, deve comunicare l’avvenuta acquisizione dell’utenza e la data di passaggio da una rete all’altra.

Consigliamo quindi di richiedere a Iliad la data precisa nella quale avverrà il passaggio. L’indicazione dei tempi è un elemento utile ai fini della richiesta di risarcimento, sia in caso di ritardo nella portabilità del numero telefonico sia in caso di mancata portabilità.

 

 

Come reclamare il problema

Inviare un reclamo scritto al Gestore, in alternativa alla semplice segnalazione telefonica, è sempre la soluzione migliore.

Questa procedura permette di ricostruire agevolmente i fatti avvenuti, certifica la data di invio del reclamo ed inoltre avvia la richiesta di indennizzo per il disservizio subìto.

Il modulo può essere inviato tramite:

  • Fax al numero 02 30377960
  • Pec all’indirizzo iliaditaliaspa@legalmail.it
  • Raccomandata A/R indirizzata a Iliad Italia SpA, CP 14106, 20146 Milano.

Ciò fatto, Scarica il modulo…

📥 RECLAMO ILIAD
per Business e Privati

  • compilalo in tutti i suoi campi
  • invialo al gestore secondo le modalità indicate all’interno
  • inviaci una copia su telecomunicazioni@unionedeiconsumatori.it
  • descrivici dettagliatamente il problema

Un nostro consulente analizzerà i problemi portabilità Iliad che hai segnalato e ti ricontatterà in breve tempo per comunicarti cosa è possibile fare.

 

Chiedi il nostro supporto

e saremo al tuo fianco!

📝 CONTATTACI SUBITO!

Un nostro operatore darà ascolto alle tue richieste e ti fornirà le informazioni di cui hai bisogno.


 

Per saperne di più

 

L’indennizzo automatico

Nella delibera n. 347/18/CONS emessa dall’Agcom si regolamenta un aspetto spesso sconosciuto, l’indennizzo automatico.

Nei casi di ritardo dell’attivazione del servizio, ritardo nel trasloco dell’utenza, interruzione o sospensione amministrativa erronea, l’operatore è tenuto a risarcire il cliente in maniera automatica. Pertanto, decorsi i 45 giorni dalla segnalazione del disservizio o dalla risoluzione dello stesso, il Gestore deve indennizzare l’abbonato mediante accredito sulla prima fattura utile.

Se la somma da corrispondere a titolo di indennizzo è superiore all’importo della fattura, la parte eccedente superiore a 100 euro, viene versata tramite assegno o bonifico bancario, entro i 30 giorni dall’emissione della stessa.

Per le prepagate, l’indennizzo è accreditato sul conto di servizio del cliente, entro 60 giorni dalla segnalazione del disservizio o dalla sua risoluzione. Il corrispettivo accreditato è considerato credito trasferibile e monetizzabile.

Nella circostanza, invece, di cessazione del rapporto contrattuale – antecedente all’emissione della fattura – l’indennizzo superiore ai 100 euro è corrisposto tramite bonifico bancario o assegno, su espressa richiesta dell’utente.

 

La normativa che regola la portabilità

La procedura di portabilità è disciplinata dalla delibera n. 147/11/CIR dell’AGCOM (modificata recentemente dalla n. 347/18/CIR) che stabilisce una serie di misure a tutela dei clienti che hanno subito ritardi o problemi nella portabilità del numero.

L’AGCOM prevede espressamente che il cambio di gestore sia assolutamente gratuito: al cliente non deve essere addebitato alcun costo. Per prevenire problemi di portabilità Iliad, la delibera prevede una tempistica ridotta che consenta agli addetti di rimediare a eventuali malfunzionamenti del processo e limitare i disagi alla clientela.

In caso di disservizio, la richiesta di indennizzo deve essere fatta al nuovo operatore (recipient) e non al vecchio.