Risarcimento del danno da interruzione di linea telefonica: un sollievo (economico) a un problema frequente e molto serio.

Questo fastidioso disservizio colpisce tanti utenti dai quali riceviamo quotidianamente segnalazioni e richieste di aiuto.

Come Associazione di Consumatori sappiamo bene quanti problemi comporta l’interruzione della linea telefonica sia ai clienti privati che business, ma conosciamo anche le procedure per ottenere il risarcimento.

L’Unione dei Consumatori, specializzata in Telefonia e Pay-Tv, vanta infatti innumerevoli controversie vinte anche su questo tema e siamo certi di poterti sostenere nella battaglia che conduci. Grazie alle nostre indicazioni, potrai:

  • risolvere velocente il caso;
  • ottenere l’indennizzo economico spettante, per il disagio subito.

Leggi il nostro approfondito articolo e scoprirai come – in presenza di una interruzione linea telefonica – potrai affrontare correttamente il problema.

Contattaci per un consiglio o per affidarci il tuo caso e ce ne occuperemo sgravandoti da ogni pensiero o stress.

Il tutto senza costi vivi a tuo carico.

Buona lettura …

 

 

I casi di risarcimento del danno per linea telefonica interrotta

I motivi più ricorrenti di una linea telefonica isolata sono legati a:

  1. problemi tecnici: una linea telefonica assente può dipendere da guasti alla centrale dell’Operatore o alla linea telefonica fissa dell’abitazione. Nel primo caso il Gestore dovrebbe rendersi disponibile al ripristino linea telefonica in breve tempo, ma non sempre ciò accade;
  2. sospensione amministrativa del servizio per:
    • morosità. Il tuo servizio telefonico è stato sospeso e non ti è neppure stato segnalato? Può essere dovuto al mancato o ritardato pagamento di più bollette telefoniche. Ciò che conta e che il Gestore non può, per legge, sospendere il servizio automaticamente e senza preavviso;
    • errata fatturazione. La tua bolletta è lievitata e il tuo servizio telefonico è stato interrotto a causa del mancato pagamento di bollette ritenute non dovute? In questo caso, va verificata attentamente la parte dovuta e quella non;
  3. mancata portabilità. Hai rilevato una interruzione del servizio a seguito di una portabilità del numero? Non è un caso raro ed è strettamente legato ad un disservizio, nel passaggio da un Operatore all’altro.

Vedremo tutto meglio nei prossimi paragrafi di approfondimento. Nel frattempo, se intendi già procedere, ti indichiamo i passaggi.

 

Cosa fare anzitutto: reclamare

L’interruzione linea telefonica è una problematica che può causare notevoli disagi.

Se gli utenti privati lamentano di non potere effettuare telefonate e, spesso, di non poter navigare in internet, per gli utenti business il disturbo viene amplificato e può comportare anche un vero e proprio danno economico.

In entrambi i casi, risolto il problema, è legittimo e comprensible richiedere un indennizzo per i disagi subiti. Tra l’altro, questo ristoro è già disciplinato dalle Carte dei Servizi che obbligano in tal senso i Gestori delle linee telefoniche.

Vediamo dunque quali passaggi è necessario seguire per avviare la procedura di risarcimento per interruzione linea telefonica. Innanzitutto è bene verificare che l’apparecchio telefonico funzioni correttamente e che la disfunzione, quindi, non dipenda da una causa strumentale.

Una volta appurato che è la linea telefonica ad essere interrotta, si può procedere all’invio del reclamo al Gestore di riferimento. essenzialmente, le modalità sono di due tipi:

  • quelle indicate dal Gestore stesso
  • il reclamo scritto.

Noi di Unione dei Consumatori, forti della nostra esperienza e di una elevata competenza nel settore della telefonia e Pay-Tv, ti consigliamo vivamente di utilizzare la seconda modalità, inoltrando un reclamo scritto.

 

Come ottenere un risarcimento del danno da interruzione linea telefonica

Se vuoi ottenere un risarcimento del danno da interruzione di linea telefonica segui queste semplici istruzioni:

Un nostro consulente analizzerà i problemi di interruzione servizio telefonico o interruzione internet che ci hai segnalato e ti ricontatterà in breve tempo per offrirti una valutazione gratuita del caso.

Per ulteriori informazioni, inviaci un messaggio attraverso il form di contatto o via whatsapp al 370 1220734.

Se lo preferisci, contattaci telefonicamente allo 091 6190601.


 

Per saperne di più

 

  • Il risarcimento del danno da interruzione di linea telefonica a causa di problemi tecnici

Capita spesso che il servizio venga sospeso a causa di generici problemi tecnici alla centrale o alla linea telefonica assente.

In questo caso, bisogna tener presente che l’Operatore gode di una tempo limite – previsto dalla propria Carta dei Servizi – entro il quale deve riattivare il servizio.

Unica eccezione alle tempistiche previste per detta riattivazione è quella relativa a cause non imputabili all’Operatore.

Parliamo, quindi, di una difficoltà oggettiva provata, che in questo caso non dà diritto a un risarcimento del danno da interruzione di linea telefonica.

Ogni singolo Operatore, nella propria Carta dei Servizi, indica le tempistiche previste per i singoli casi di riattivazione dei servizi: queste tempistiche sono profondamente diverse tra di loro.

Per quanto attiene il ripristino, in assenza linea telefonica, questo è previsto in un tempo medio di 3 giorni, dalla data del reclamo effettuato dal cliente.

In tema di risarcimento danni Telecom interruzione servizio o linea isolata Telecom, detta Compagnia – solo per fare un esempio – si impegna a ripristinare i danni alla rete entro il secondo giorno non festivo, successivo a quello in cui ha ricevuto la segnalazione.

Nei casi di telefono isolato Telecom o quando la linea Telecom non funziona, le riparazioni – quando i danni non siano imputabili al cliente – sono totalmente gratuite .

Questi interventi rientrano nella specifica casistica del risarcimento danni Telecom interruzione servizio.

 

  • Risarcimento del danno da interruzione di linea telefonica: sospensione per morosità

L’utente ha il preciso dovere di pagare regolarmente le fatture … e questo è chiaro. D’altro canto, la Compagnia telefonica è tenuta al rispetto di specifiche norme che tutelano i diritti dei suoi clienti.

Tenuto conto di questo, la casistica di cui stiamo trattando, non sempre dà luogo a un risarcimento del danno da interruzione di linea telefonica, poichè – nel caso di bollette telefoniche non pagate – il Gestore potrà procedere alla sospensione del servizio telefonico solo dopo aver rispettato i suoi obblighi e mai in modo automatico.

Pertanto, di fronte ad un cliente moroso, l’Operatore potrà agire con una sospensione del servizio soltanto in presenza di più fatture insolute da parte del cliente moroso, e non prima di averne comunicato – con opportuno preavviso – la sospensione o interruzione del servizio.

Infatti, la norma – per prevenire ogni possibile disagio – prevede espressamente che l’utente non subisca repentinamente la linea telefonica staccata per mancato pagamento, ma venga sempre messo in condizione di regolarizzare la propria posizione debitoria. E ciò, per evitare che avvenga una sospensione del servizio per semplici disguidi o – peggio – per ritardi nel pagamento di bollette contestate per errata o non dovuta fatturazione (vedi paragrafo successivo).

Premesso ciò, se sei arrivato qui per chiedere un risarcimento, nel caso di un mancato pagamento delle bollette, valuta accuratamente se il distacco linea telefonica subito è attinente alla regolarità degli adempimenti a carico tuo o della Compagnia.

 

  • Risarcimento del danno per fatturazione errata o non dovuta

Come il caso precedente, anche questo non sempre dà luogo a un risarcimento del danno da interruzione di linea telefonica, in quanto, il mancato pagamento delle fatture ritenute errate o non dovute, che ha portato alla interruzione o sospensione del servizio telefonico, può derivare da cause diverse.

I casi, nello specifico, sono due:

    • Costi sconosciuti all’utente

Quì, dovremo ricercare nelle stesse fatture una serie di voci, che spesso fanno riferimento a servizi non richiesti ed attivati senza il nostro consenso

    • Errori sull’importo delle fatture

In questo bisognerà analizzare una serie di elementi: dal contratto stipulato in origine, ai singoli ed eventuali cambi contrattuali avvenuti nel tempo.

Qui la precisazione è d’obbligo, in quanto dovremo accertare se queste variazioni contrattuali siano:

  • riconducibili a nostre specifiche richieste (magari accettate in buona fede o non comprese fino in fondo);
  • frutto di errori nei conteggi;
  • dovute a una doppia fatturazione – illegittima – a seguito di migrazione a un nuovo Gestore (che ovviamente è l’unico creditore).

 

    • Cosa fare

In entrambi i casi, per richiedere un risarcimento per interruzione della linea telefonica, l’utente dovrà opportunamente inviare un reclamo scritto specificando i motivi del mancato pagamento delle fatture contestate. La Compagnia, dal suo canto, dovrà restituire quanto indebitamente fatturato regolarizzando gli importi errati presenti sulla fattura in questione.

Ovviamente – e fino alla regolarizzazione di quanto contestato – la stessa non potrà procedere alla sospensione della linea telefonica.

Nel caso in cui, l’utente non riceva alcuna risposta o questa non sia sufficientemente argomentata, potrà avviare l’apertura di un contenzioso presso l’Autorità per le Telecomunicazioni per richiedere il risarcimento danni per interruzione linea telefonica.

Tale azione – e fino all’esito della controversia – sospenderà in suo favore ogni azione o pretesa.

Se – nonostante il procedimento avviato – la Compagnia telefonica dovesse procedere egualmente alla sospensione del servizio per morosità, l’utente potrà richiedere alla stessa un indennizzo.

 

  • Mancata portabilità e risarcimento del danno da interruzione di linea telefonica

Come già accennato, a causa della mancata procedura di passaggio da un Gestore a un altro, succede spesso che si verifichi un ritardo nella portabilità del numero.
A detto ritardo, che può protrarsi anche per diverse settimane, ne consegua talvolta sia la perdita del numero telefonico; che una interruzione della linea telefonica. Da tali eventi –  in particolar modo per le utenze business – ne scaturiscono anche seri danni economici.

Di norma, ogni Gestore telefonico ha l’obbligo, secondo la propria Carta dei Servizi, di attivare la procedura di migrazione del numero in tempi brevi. Solitamente, questa deve essere effettuata entro la seguente tempistica (giorni lavorativi):

  • 30 Giorni per il numero fisso;
  • 3 Giorni per il numero mobile.

Se ciò non dovesse avvenire, l’utente ha diritto di richiedere un risarcimento danni per interruzione linea telefonica per ogni giorno di ritardo, a partire dalla data della richiesta.

Come già anticipato, nel caso in cui un errore nella procedura di migrazione determini una sospensione del servizio, la prima cosa da fare è quella di rivolgersi al proprio Gestore e sollecitarlo in tal senso.

Nel caso in cui, invece, tale errore generi una sospensione del servizio, contattaci: ti auteremo a risolvere il problema e a farti ottenere un risarcimento.

 

  • Gli indennizzi automatici

Non tutti sanno che l’Autorità Garante, a tutela del consumatore/utente, svolge compiti di vigilanza sul corretto adempimento dei termini contrattuali e sugli abusi compiuti dal Gestore ed ancora stabilisce gli indennizzi dovuti, per i disagi subiti da inefficienze e malfunzionamento dei servizi dalle Compagnie

Dal 1 gennaio 2012 i gestori telefonici sono tenuti a corrispondere in maniera automatica alcuni indennizzi mediante accredito, a partire dalla prima fattura successiva all’accertamento del problema in atto.

L’utente, quindi, al momento dell’invio del modulo di reclamo col quale avvia la segnalazione del problema al Gestore, potrà richiedere – insieme a eventuali altre richieste – il pagamento dell’indennizzo dovuto.

Nel caso in cui, ciò non dovesse accadere – condizione piuttosto frequente – il nostro intervento risulterebbe determinante e decisivo.

Tieni presente Che l’indennizzo ottenibile – grazie alla nostra azione qualificata presso l’Autorità (Corecom/Agcom) – dà luogo a risarcimenti economici ben più elevati rispetto a quelli previsti nella Carta dei Servizi dei singoli Operatori.