Ricordate il nostro ricorso Azioni Banca Popolare di Vicenza?

Bene, vi parleremo oggi della grande vittoria che abbiamo ottenuto.

Difatti, grazie all’azione collettiva lanciata per tutelare gli ex azionisti della Banca Popolare di Vicenza, siamo riusciti a vincere il ricorso nei confronti di Banca Nuova S.p.a., oggi incorporata a Intesa San Paolo S.p.a.

Vi ricordiamo brevemente la vicenda, come ci siamo mossi per arrivare a questo grande risultato e quali sono le ulteriori prospettive di riscatto per tutti i correntisti e gli azionisti che cercano ancora una soluzione al problema.

 

Ricorso azioni Banca Popolare di Vicenza: la vicenda

L’episodio – già trattato in un nostro articolo – ha visto migliaia di risparmiatori perdere quasi tutto il capitale investito sui titoli della Banca che sono sfumati nell’arco di pochi mesi.

Nello specifico, un operaio della provincia di Messina – su consiglio della stessa Banca – decideva di investire i propri risparmi familiari in azioni acquistate per un valore nominale di un totale di 207.500,00 euro.

A seguito degli accertamenti degli organi inquirenti e del susseguente provvedimento di liquidazione coatta amministrativa emesso nei confronti di Banca Popolare di Vicenza, gli azionisti si son visti annullare gli investimenti fatti.

In risposta, Unione dei Consumatori lanciava una azione collettiva e, al contempo, un’azione legale contro Banca Nuova S.p.a., oggi incorporata a Intesa San Paolo S.p.a., per agire a tutela dei risparmiatori.

 

Ricorso azioni Banca Popolare di Vicenza: la richiesta

Allarmato per quanto accaduto, l’operaio di Messina, con l’ausilio dell’Avv. Gianni Dario Giuffrè – membro della Consulta giuridica di Unione dei Consumatori – presentava ricorso all’Autorità per le controversie finanziarie (ACF).

Con il ricorso per il recupero delle azioni Banca Popolare di Vicenza, la richiesta era duplice: accertamento della responsabilità di Banca Nuova e pagamento della somma investita, con interessi e rivalutazione monetaria.

 

Ricorso azioni Banca Popolare di Vicenza: la decisione

Con decisione del 26 settembre 2018, l’ACF – accogliendo integralmente l’azione legale contro Banca Nuova S.p.a. e rilevando un danno persistente e concreto – ha condannato Banca Nuova, oggi incorporata da Intesa San Paolo, al pagamento della somma di 213.260,13 euro.

Dell’importo dovuto (a seguito della recente attuazione del decreto milleproroghe), il recupero del 30% è garantito dalla Consob che dovrà disporre detta somma all’ex correntista.

Dichiara Giuffrè che “Stante la gravità e la diffusione della vicenda che sta procurando un vero allarme sociale, la decisione del Collegio Arbitrale deve fungere da apripista affinché gli investitori malcapitati possano recuperare i propri risparmi, frutto di non pochi sacrifici“.

 

Ricorso azioni Banca Popolare di Vicenza: come possiamo aiutarti

Se sei anche tu un ex correntista e/o azionista di Banca Nuova e vuoi ricevere assistenza e tutela, rivolgiti con fiducia a Unione dei Consumatori e richiedici quali azioni puoi compiere avvalendoti del nostro supporto.

Per ulteriori informazioni, contattaci al numero 091 6190601, via whatsapp al 370 1220734 oppure invia un messaggio sul nostro form.

Sarai ricontattato da un nostro consulente, in breve tempo.